Sei in: Home < Formazione < Proposte formative < Area famiglia, minori, giovani

Politiche Sociali


Salta direttamente al contenuto
Salta direttamente alla Navigazione

 




Area famiglia, minori, giovani

#33cc66 BREAKING THE CIRCLE. Le linee guida per una giustizia Child Friendly.
“BREAKING THE CIRCLE” European peer to peer actions to raise the awareness of children, youngsters and professionals on rights in children and juvenile justice fi nanziato Commissione Europea, con lo scopo di promuovere le linee guida per la giustizia child-friendly elaborate dal CoE. Il convegno, nella prima parte della mattinata proporrà un confronto sui temi della cooperazione tra le corti nazionali italiane e la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, e sulle modalità - e l’opportunità - di instaurare tra le stesse un dialogo ed un confronto, allorché si verta su questioni attinenti ai diritti fondamentali dei minori, con particolare riferimento alla fi liazione e ai legami familiari. La seconda parte della tavola rotonda con il contributo di esperti, ricercatori, sociologi, clinici svilupperà alcune rifl essioni, su come i principi delle linee guida possano diventare elementi vitali per promuovere interventi e percorsi di cura e progettualità perché l’incontro con una giustizia child-friendly sia un evento trasformativo nella vita di un bambino, di un adolescente sia in ambito civile che penale.
»Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
16/06/2017

#33cc66 GRUPPO ASSISTENTI SOCIALI La violenza nelle famiglie. Comprendere e affrontare il fenomeno e le conseguenze.
Si prevedono due giornate monotematiche, ovvero due sguardi gettati sulle vittime, ciascuna delle quali sviluppata in due parti: inquadramento del fenomeno dal punto di vista giuridico e sociale; modalità di intervento sui traumi conseguenti e le possibilità di cura. Il primo incontro è dedicato allo stalking e alla violenza intra-familiare, cioè come ciò si manifesta, come è affrontato nella Legge e si sta esprimendo la giurisprudenza. Una visione importante per comprendere come scorgere, approcciare e intervenire. La condivisione di pratiche, modalità ed esperienze in chiave di sostegno e cura delle donne completa il quadro. Il secondo incontro si concentra sull’altro soggetto vittima: il minore. La violenza assistita e il relativo reato rappresentano due aspetti importanti, che forse nelle istituzioni e tra la pubblica opinione solo negli ultimi anni si sta procedendo a considerare in toto per la sua gravità. La discussione nelle aule parlamentari sulla Legge dedicata a questo ne è una valida testimonianza. Per ciò ci si confronterà con chi, da tempo, si sta impegnando anche a livello nazionale, per affrontare tutto ciò professionalmente e nei diversi tavoli istituzionali. Successivamente si dialogherà con chi sostiene i minori coinvolti per uscire dal dramma, ma anche aiuta gli operatori che sono costretti a affrontare una questione così impegnativa in termini professionali e emozionali.
»Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
19/04/2017

#33cc66 Minori non accompagnati:Storie di legami e migrazione Esperienze a confronto.
Il Seminario si pone come obiettivi il confronto e l’ap-profondimento sul tema della migrazione dei minori, in particolare dei minori non accompagnati. Del valore dei legami prima e dopo la migrazione: le storie di vita, i pro-getti di ragazze e ragazzi che lasciano la loro terra alla ri-cerca di un futuro, portando con sé storie, mandato, eredi-tà e cultura. In una parola: identità che li accompagnano. Di fronte a questo fenomeno, dopo una lunga fase di emer-genza, è necessario oggi fermarsi a riflettere, per dare valo-re e voce alle esperienze e alle strategie che hanno coniu-gato al meglio bisogni e risorse. Identificare e sostenere progetti e traiettorie future che accompagnino i minori nei percorsi di vita e di integrazione sociale. Il Seminario vuole essere un’occasione per le persone, i cittadini, gli operatori, i servizi di confrontarsi sulle politiche e sulle risorse dell’accoglienza e dell’integrazione. Il seminario è gratuito, rivolto ad operatori (assistenti sociali, psicologi, educatori, avvocati) e aperto alla cittadinanza. Riconosce crediti formativi per le pro-fessioni sanitarie e sociali.
»Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
08/01/2017

#33cc66 Scrivere storie. Corso di storytelling per gli operatori dei servizi minori e delle agenzie educative.
Tra le loro molte funzioni i racconti: - rendono tangibili concetti astratti - creano nuove esperienze - parlano alla sfera conscia attraverso quella inconscia, più sensibile e reattiva - stimolano emozioni, riflessioni, nuove idee, e generano azioni - aumentano la piacevolezza del messaggio, che sotto forma di storia può essere letto, riletto, reinterpretato da angolazioni diverse e, infine, condiviso. Il corso fornisce ai partecipanti le basi tecniche per comprendere il “funzionamento” dei racconti e del pensiero narrativo, consegnando loro gli strumenti per realizzare narrazioni guidanti, finalizzate all’installazione di strategie e alla prefigurazione di scenari futuri. La cornice linguistica di riferimento è definita dalla Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 (2006/962/CE ): “La comunicazione nella madrelingua è la capacità di esprimere e interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma sia orale sia scritta (comprensione orale, espressione orale, comprensione scritta ed espressione scritta) e di interagire adeguatamente e in modo creativo sul piano linguistico in un’intera gamma di contesti culturali e sociali, quali istruzione e formazione, lavoro, vita domestica e tempo libero. Consapevolezza ed espressione culturale riguarda l’importanza dell’espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un’ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi la musica, le arti dello spettacolo, la letteratura e le arti visive.” Questa iniziativa si sviluppa all’interno delle azioni previste dal progetto europeo Breaking the Circle, (Call n. JUST/2014/JPPI/AG/CHIL/6928) per diffondere una cultura child friendly, sui principi delle Linee guida del Consiglio d’Europa. OBIETTIVI: Il percorso formativo si pone come obiettivo la condivisione dei fondamenti della scrittura collaborativa: • definizione del metodo di lavoro e delle linee guida di stile • messa a fuoco di un linguaggio comune tra gli autori ("bullonese") • brainstorming sulla costruzione di trama e intreccio: la "storia delle storie" • costruzione di un archivio di storie per alimentare il tool.
»Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
26/10/2016

#33cc66 Accompagnare il minore in un procedimento civile: processo evolutivo, criticità e buone prassi
Questa iniziativa si sviluppa all’interno delle azioni previste dal progetto europeo Breaking the Circle, (Call n. JUST/2014/JPPI/AG/CHIL/6928) per diffondere una cultura child friendly, sui principi delle Linee guida del Consiglio d’Europa. Il corso parte da una valutazione dei numeri e dei diversi procedimenti che coinvolgono i minori in tribunale con l’intento di strutturare con i corsisti delle buone pratiche di accoglimento e di accompagnamento a tali situazioni a partire anche dall’analisi di casistica presentata in aula.
»Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
02/11/2016