Sei in: Home < Formazione < Proposte formative < La qualità e l'organizzazione dei servizi

Politiche Sociali


Salta direttamente al contenuto
Salta direttamente alla Navigazione

 




La qualità e l'organizzazione dei servizi

#cc66ff Innovazione sociale digitale e parità di genere. Prospettiva europea e sviluppo locale.
Al centro di importanti processi di innovazione sociale e digitale della società, quali, ad esempio, la democrazia partecipata, l’educazione, l’organizzazione del lavoro e l’imprenditorialità, stanno avvenendo profondi cambiamenti culturali che interrogano le politiche di genere. In questo senso l’innovazione sociale digitale (digital social innovation) dovrebbe essere considerata uno strumento per ripensare le pari opportunità tra donne e uomini, contribuendo alla promozione della democrazia paritaria nella vita sociale, economica, culturale e politica. L'Unione europea ha da tempo posto l’attenzione al tema della partecipazione femminile alla società dell’informazione e della conoscenza e la recente Proposta di risoluzione del parlamento europeo “sull’uguaglianza di genere e l’emancipazione delle donne nell’era digitale” sottolinea come perdurino ancora stereotipi ed ostacoli per un’economia digitale più inclusiva.
»Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
10/05/2017

#cc66ff Affrontare la diversità culturale nei servizi e nella comunità
Percorso di formazione per coordinatori e responsabili dei servizi alla persona, socio-sanitari e organizzazioni sociali in ambito pubblico, privato e privato-sociale centrato sulla conoscenza e comprensione di alcuni temi chiave concretamente emergenti dall’incontro con culture diverse nei servizi di welfare. Un percorso dunque non rivolto a chi è impegnato in strutture dedicate alla popolazione immigrata ma per coloro che, gestendo servizi diversi, si devono confrontare anche con quest’ultima. Si tratta di un avvicinamento che pur partendo dal piano cognitivo e pratico di alcuni contenuti e complessità, forse quelle al momento più rilevanti, desidera sollecitare uno sguardo funzionalmente anche riflessivo sul fenomeno. L’intento del percorso di formazione è perciò quello di condividere modalità e spunti che aiutino ciascun servizio ed operatore a trovare equilibri utili a stare meglio nel confronto con una diversità che, inevitabilmente tende a sconvolgere equilibri. Per queste ragioni intendiamo approfondire alcune tematiche emergenti in termini di conoscenza e condividere alcuni idee e spunti, se non pratiche, che possono aiutare ad approcciare i fenomeni della diversità culturale nei servizi.
»Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
14/04/2017

#cc66ff Digital social innovation: stato dell’arte dell’innovazione sociale digitale in Europa. Fablab, iniziative di artigianato digitale, utilizzo degli open data per facilitare il rapporto con le pubbliche amministrazioni e Open Knowledge.
L’innovazione sociale digitale (digital social innovation) dovrebbe essere considerata uno strumento per ripensare la cultura di genere e le pari opportunità tra donne e uomini, contribuendo alla promozione della democrazia paritaria nella vita sociale, economica, culturale e politica. La proposta formativa è finalizzata a proseguire ed ampliare lo sforzo di informazione, sensibilizzazione, e formazione intrapreso da Città metropolitana con il percorso #Generedigitale. La proposta è quella di approfondire il tema della partecipazione femminile ai processi di innovazione sociale digitale e del divario fra conoscenze ed evoluzione dell’innovazione , di strumenti e metodologie nuove di inclusione e partecipazione. Il percorso di inquadramento teorico del tema sarà quindi accompagnato dalla presentazione e discussione di progetti europei realizzati , delle metodologie adottate e dei risultati raggiunti.
»Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
17/02/2017

#cc66ff Come cambia il servizio sociale nel Comune?. La professione tra responsabilità e deontologia
Nel seminario si propone una riflessione sulle caratteristiche specifiche di questo ruolo, mettendo a confronto due sguardi “esterni”, quello di un dirigente comunale e di una studiosa di politiche sociali e due sguardi “interni” alla professione, dal punto di vista dell’Ordine Professionale e da quello dello studio e della riflessione teorico pratica sul ruolo. Dai primi emergeranno le linee di cambiamento e innovazione che sono richieste o prefigurate per la professione, dai secondi si tratteggeranno i versanti deontologici di alcune responsabilità professionali tipiche di questo ruolo, al centro della tensione tra mandati istituzionali e la necessità di dare spazio alla promozione e tutela della capacità di autodeterminazione delle persone.
»Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
24/10/2016

#cc66ff Affrontare la contemporaneità: pillole e fondamenti per coordinare e dirigere nel welfare.
Si propone un percorso di formazione per coordinatori e responsabili dei servizi alla persona, socio-sanitari e organizzazioni sociali in ambito pubblico, privato e privato-sociale centrato sulla riproposizione dei temi cardine del coordinamento. Una rivisitazione in “pillole” delle principali tematiche, utile per rivisitare e ridare concretezza ma anche senso a dimensioni che dovrebbero far parte dell’armamentario di ciascuno, che si desidera riprendere e aggiornare sotto lo sguardo della contemporaneità. Si tratta di un percorso “pratico” dedicato a toccare metodologie ed esperienze, senza dimenticare i riferimenti teorico-metodologici, affrontati con tecniche e modalità coinvolgenti e il più possibile piacevoli. In effetti la complessità odierna siamo convinti vada affrontata innanzi tutto avendo chiaro e riattraversando i punti chiave. In modo semplice, riflessivo ma anche “leggero”.
»Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
27/02/2017