Sei in:  Home  > Inquinamento luminoso

Home - Inquinamento Luminoso

L'illuminazione è elemento essenziale della nostra quotidianità, oltre che sinonimo di progresso economico e civile: accanto all'utilizzo domestico, essa è impiegata come strumento di richiamo per gli esercizi commerciali (attraverso insegne e fari); assume anche un ruolo importante per la sicurezza, in quanto si ritiene che un'adeguata illuminazione sia garanzia di maggiore tutela dell'incolumità dei cittadini.

Si assiste tuttavia ad una costante e disordinata crescita nella quantità dell'illuminazione erogata (sovente, inadeguata alle reali necessità) e conseguente aumento dei consumi energetici: si suole parlare, a questo proposito, di inquinamento luminoso i cui impatti (sulla salute umana, la sicurezza stradale, la flora e fauna, il patrimonio artistico/culturale, economici, e così via) non sono ancora pienamente avvertiti dalla collettività.
Allo scopo di contemperare le esigenze del progresso scientifico con quelle della tutela ambientale e della salute, la Regione Lombardia ha emanato la L.R. 27 marzo 2000, n. 17, e successive modificazioni "Misure urgenti in tema di risparmio energetico ad uso di illuminazione esterna e di lotta all'inquinamento luminoso”, che assegna alle Province compiti di: controllo sul corretto e razionale uso dell'energia elettrica da illuminazione esterna; diffusione dei principi dettati dalla medesima legge; redazione e pubblicazione dell'elenco dei Comuni sul cui territorio esista un Osservatorio astronomico da tutelare (tale elenco può comprendere anche i Comuni al di fuori del territorio provinciale, purché ricadenti nelle fasce di protezione indicate); vigilanza sui comuni circa l'ottemperanza delle disposioni dettate da tale legge, con accertamento di eventuali sanzioni.