Sei in: Caccia e pesca < Pesca < Avannotteria provinciale

Caccia e pesca

» Vai al contenuto


Avannotteria provinciale



bordo_avanotteri

La Città Metropolitana  di Milano è una provincia d'acqua: il sistema idrografico del Milanese è rappresentato da tre grandi fiumi - Ticino, Adda e Lambro -, da una miriade di rogge e fontanili, nonchè dall'estesa rete idrica artificiale creata a scopo irriguo, che nel tempo è divenuta habitat idoneo alla fauna ittica e meta ambita dai pescatori milanesi.


avanotteria_1Il pregio della comunità ittica del Milanese, sebbene diminuito negli ultimi decenni a causa degli ingenti e ripetuti impatti antropici, è ancora notevolissimo e risiede sia nella sua ricchezza, sia nella presenza di numerose specie di pesci di interesse comunitario, molte delle quali endemiche (Trota marmorata, Pigo, Triotto, Storione cobice, Lasca, ecc.). Nell'indifferenza pressochè generale dell'opinione pubblica, non poche di queste specie oggi sono purtroppo in forte rarefazione, se non addirittura sull'orlo dell'estinzione.


avanotteria_2Un contributo all'incremento della fauna ittica può essere rappresentato dai ripopolamenti, che devono tuttavia essere condotti in maniera oculata, con pesce autoctono e di qualità, esente da malattie e parassiti. Il materiale ittico fornito dagli allevatori commerciali spesso non garantisce queste caratteristiche e talvolta viene importato dall'estero, cosa che facilita l'introduzione di indesiderate specie esotiche particolarmente nocive.


avanotteria_3E' quindi opportuno rivedere tali pratiche e rivolgersi preferenzialmente alla produzione di materiale ittico ottenuto da riproduttori provenienti dalle nostre acque. Nell'ottica di mettere in atto specifiche strategie di conservazione e recupero delle specie pregiate, la Provincia di Milano ha costruito un'avannotteria, destinata alla produzione ittiogenica in proprio.Un'avannotteria - o incubatoio - è una struttura destinata alla produzione artificiale di ittiofauna autoctona, ottenuta a partire da riproduttori selvatici. Ciò si realizza prelevando i pesci adulti dall'ambiente naturale, eseguendone artificialmente e in modo non cruento la fecondazione, effettuando la schiusa delle uova in ambiente controllato e quindi allevando in incubatoio gli avannotti. I pesci così ottenuti sono in tal modo dotati di caratteristiche di rusticità e "qualità" analoghe a quelle dei genitori e possono essere immessi senza rischi nelle stesse acque di provenienza dei riproduttori o in quelle limitrofe, realizzando in questo modo interventi mirati a sostegno di quelle specie ittiche locali di particolare interesse conservazionistico o pescatorio, che, per cause diverse, necessitino di un supporto artificiale alla riproduzione naturale.


avanotteria_4L'avannotteria della Città Metropolitanadi Milano è situata ad Abbiategrasso (MI). E' costituita da due piccoli edifici in legno ed è dotata di diverse attrezzature ittiogeniche (campane per la schiusa delle uova, truogoli, vasche di svezzamento di varie dimensioni, ecc.). Dispone anche di alcuni corpi idrici circostanti (laghetti e rogge), situati nella proprietà. All'avannotteria afferiscono inoltre vari mezzi e apparecchiature (furgone attrezzato per il trasporto del pesce vivo, barca, elettrostorditori e reti per le catture dei riproduttori, pompe per l'approvvigionamento idrico, ecc.).

In avannotteria lavorano due operatori specializzati, che sono presenti spesso a turno, meno frequentemente in contemporanea, i cui compiti fondamentali sono l'attuazione concreta e quotidiana della produzione ittiogenica (fecondazione, alimentazione, pulizia, controllo parametri chimico-fisici dell'acqua, verifica funzionamento attrezzature, ecc.) e la cura dell'impianto.


avanotteria_6Nel corso del 2005 sono comunque già state attuate alcune campagne di riproduzione artificiale, producendo e seminando in diversi corpi d'acqua ad elevata naturalità trotelle marmorate, luccetti, avannotti di Pesce persico nati grazie a tecniche di riproduzione semi-naturale (posa di fascine quale substrato riproduttivo, recupero dei nastri ovarici su queste deposti, schiusa delle uova in ambiente controllato e successiva alimentazione artificiale delle larve) e Alborelle.

Le notevoli possibilità offerte dall'impianto di Abbiategrasso impongono di orientare l'avannotteria verso la più ampia polifunzionalità produttiva: pertanto, nel prossimo futuro, verranno attivate iniziative anche in favore di pesci quali il Triotto, il Vairone, il Barbo.

Non sarebbe, anche qui, ipotizzabile la produzione di grandissimi quantitativi di novellame, ma quantomeno si avrebbero a disposizione nuclei di alcune decine di migliaia di pesci da destinare a reintroduzioni in ambienti particolarmente vocazionali.


avanotteria_7Si prevede inoltre l'attuazione di importanti progetti a carattere sperimentale, indirizzati verso quelle specie autoctone/endemiche la cui consistenza è in forte calo o che comunque mostrano segni di sofferenza. Tra questi, i progetti di recupero di: Temolo (specie ormai estremamente rarefatta, i cui tentativi sino ad ora effettuati per il suo recupero sono apparsi scarsamente fruttuosi), Lasca e Savetta (specie importanti finora mai allevate), Pigo (altro ciprinide in forte contrazione demografica nella gran parte dei fiumi padani che rappresenta un importante endemismo delle nostre acque ed è un pesce di forte interesse anche per i pescatori sportivi), Storione ladano (pressochè estinto dal bacino padano e non ancora oggetto di alcun intervento di recupero e di reintroduzione).


avanotteria_9La linea di attività condotta in avannotteria potrà, in definitiva, rappresentare uno dei perni della gestione ittiofaunistica della Città Metropolitana di Milano, non solo per le azioni a tutela delle specie ittiche che vi si svolgeranno (ripopolamenti e reintroduzioni di pesci autoctoni, endemici, pregiati; sperimentazioni e ricerche specifiche; ecc.), ma anche perchè la struttura possiede notevoli potenzialità didattiche (possibilità di lezioni su campo per scuole di ogni ordine e grado) e divulgative in senso ampio (realizzazione di pubblicazioni, convegni e incontri pubblici sui risultati ottenuti). L'avannotteria e le attività ad essa afferenti costituiscono inoltre un'ottima occasione per intensificare i rapporti di collaborazione con tutti gli altri enti e soggetti che, a vario titolo, esercitano la propria azione sui corpi idrici (Parchi, Province limitrofe, associazioni di pescatori, associazioni ambientaliste, ecc.), allo scopo di pervenire ad una gestione armonizzata e a scala di bacino idrografico delle popolazioni ittiche.




 
Link utili | Mappa | Copyright | Credits