Vai al contenuto

Presentazione


Torna alla home page del Portale della Provincia di Milano  Torna alla home page di Cultura

Presentazione

Giorno del Ricordo 2014
 

allo Spazio Oberdan letture e spettacoli commemorativi

il 10 febbraio Ŕ il giorno dedicato a "conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le Vittime delle Foibe, dell'esodo dalle loro terre degli Istriani, Fiumani, Dalmati." (legge 92/2004)
Fotografia dell'evento


Navigazione


| altro |

Presentazione

Esodo giulianiIl 10 febbraio ricorre il Giorno del Ricordo, dedicato a “conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli Istriani, Fiumani e Dalmati” (legge n. 92/2004). Per l’occasione, l’Assessorato alla Cultura della Provincia di Milano promuove alcune iniziative commemorative nella Sala Merini di Spazio Oberdan (Viale Vittorio Veneto 2, Milano). 

«Per il quinto anno consecutivo la Provincia di Milano celebra il Giorno del Ricordo. - sottolineano Guido PodestÓ, Presidente della Provincia di Milano, e Novo Umberto Maerna, Vice Presidente e Assessore alla Cultura - L'obiettivo Ŕ tener viva la drammatica memoria delle foibe e dell'esodo istriano-giuliano-dalmata, dopo decenni di colpevole omertÓ, durante i quali era “vietato” parlare delle migliaia di Istriani, Giuliani e Dalmati infoibati o profughi dalle loro terre e del Trattato che le cedeva alla Jugoslavia. Le foibe furono il concentrato della pulizia etnica contro gli Italiani, della lotta di classe contro borghesi e possidenti e della guerra ideologica di una parte. Per molti anni le foibe restarono un mistero: nelle scuole non si studiavano e i media non ne parlavano. Per recuperare l’omissione storica e onorare la memoria delle vittime Ŕ doveroso che scuole, media e testi storici ora ne parlino. In tal senso, anche le Istituzioni Ŕ doveroso che facciano al loro parte. Scopo della Provincia di Milano Ŕ quello di rievocare ed informare, soprattutto giovani e studenti, al fine di contribuire alla costruzione di una memoria storica realmente condivisa, senza lacerazioni e censure, elemento fondante di una Nazione e di un Popolo.»