Vai al contenuto

Programma delle attività


Torna alla home page del Portale della Provincia di Milano  Torna alla home page di Cultura

"I boschi sacri". Mostra di Mor Talla Seck

 

Informazioni


"I boschi sacri". Mostra di Mor Talla Seck

dal 19 settembre al 3 ottobre 2009

Navigazione


| altro |
| altro |

"I boschi sacri". Mostra di Mor Talla Seck

mor_talla_seck_big Sabato 19 settembre 2009 alle ore 18 si inaugura presso la spazio espositivo de La Casa delle culture del mondo la mostra di pittura e scultura "I boschi sacri".


L’esposizione "I boschi sacri" presenta una raccolta di opere dell’artista senegalese Mor Talla Seck, pitture e sculture che propongono un viaggio alla scoperta delle tradizioni dei Diolas, una popolazione del Senegal meridionale dove sopravvivono le credenze ancestrali della religione animista.
Le sculture esposte sono totem ispirati ai boechin, feticci venerati dai Diolas, oggetti dalle virtù benefiche che proteggono da infortuni, malattie, morte e siccità, forgiate dall’artista in metallo saldato e successivamente arrugginite con tecniche particolari per metterne in rilievo l’autenticità. I dipinti sono realizzati mediante un collage di catrame e pigmenti, che conferiscono alla tela il colore scuro dell’"uomo nero" e delle maschere tradizionali, utilizzate per simbolizzare l’incarnazione degli spiriti e dei geni tutelari.
Filo conduttore della mostra è il bosco, luogo deputato alle cerimonie religiose dei Diolas e inaccessibile ai non iniziati, considerato sacro, perché sacra è la natura vegetale e animale che dall’uomo deve essere protetta e preservata.


Mor Talla Seck è nato il 5 dicembre 1976 a Thies in Senegal. Dopo essersi avvicinato alla grafica, alla pittura alla scultura, ha iniziato a realizzare opere in cartapesta. Nel 1999 si è diplomato in Belle Arti a Dakar. Oggi dipinge, crea sculture, scrive testi per il teatro dei bambini, anima laboratori di pittura nelle scuole. Ha curato un’esposizione sui temi del canto e della danza senegalese. Le ultime opere in cartapesta rappresentano le danze tradizionali e i musicisti del Senegal. Nel 2001 ha ricevuto dei riconoscimenti in Senegal per il logo del patrimonio culturale nazionale e per il F.N.P.J (Fond National de promotion pour la Jeunesse).


Ingresso libero.

pdf Scarica il volantino (Formato PDF 1402 KB)