Vai al contenuto

Programma


Torna alla home page del Portale della Provincia di Milano  Torna alla home page di Cultura

1 luglio "Vedere l'invisibile: dedicato a Sciascia". Laura Morante, Manlio Sgalambro, Pietrangelo Buttafuoco, Flavio Soriga, Paolo Terni, Franco Maresco, Matteo Collura, John De Leo

1 luglio
 

Informazioni



| altro |
| altro |

1 luglio "Vedere l'invisibile: dedicato a Sciascia". Laura Morante, Manlio Sgalambro, Pietrangelo Buttafuoco, Flavio Soriga, Paolo Terni, Franco Maresco, Matteo Collura, John De Leo

Teatro Dal Verme – ore 21
Via San Giovanni sul Muro 2

Prologo letterario: Laura Morante (David di Donatello 2001) legge Sciascia
Letture: Manlio Sgalambro, Pietrangelo Buttafuoco, Flavio Soriga, Paolo Terni
Proiezione: "Irredimibile?" (2009, 12’), Franco Maresco
Concerto: Zolfo (30’), John De Leo
Introduce: Matteo Collura
In collaborazione con Lottomatica

“Vedere l’invisibile: dedicato a Sciascia”. Un omaggio, in occasione del ventennale della scomparsa, allo scrittore siciliano che con la sua attività letteraria e saggistica si è veramente posto come il più grande critico delle ideologie, palesi e nascoste (invisibili, appunto) della contemporaneità. Alcuni autori italiani hanno accettato l’invito a leggere brani scritti pensando a Sciascia: Pietrangelo Buttafuoco, Flavio Soriga e Paolo Terni propongono dunque dei testi inediti scritti per noi intorno alla figura di Sciascia
Il Prologo è affidato a Laura Morante (David di Donatello 2001) che legge un brano suggerito da Matteo Collura, dalle Favole della Dittatura di Sciascia.
Prima del concerto finale, un contributo cinematografico di Franco Maresco, uno dei registi più corrosivi del cinema italiano, realizzato per la Milanesiana “pensando a Sciascia”.
Il concerto di John De Leo, che già aveva dedicato una sua interessante opera musicale a Manganelli, questa volta è dedicato, appunto, allo scrittore siciliano ed è intitolato “Zolfo”. Il concerto è stato commissionato dalla Milanesiana ed è stato realizzato con la collaborazione di “Cose di musica” e di Adele di Palma. Introduce e coordina la serata Matteo Collura, scrittore e studioso sciasciano.

Come ogni sera, saranno proiettati in apertura quaranta secondi dal film Ghiro ghiro tondo, del regista di origine armena Yervant Gianikian e di Angela Ricci Lucchi, che hanno dato vita a una “cinepresa analitica” in grado di riesplorare in profondità le inquadrature offerte dal normale scorrimento di un film su uno schermo e ci mostrano in questo film una serie di giocattoli ammaccati, risalenti all'epoca delle guerre mondiali, che compongono una specie di mondo miniaturizzato da cui emerge l'ombra dei fascismi.

LA MILANESIANA – Letteratura Musica Cinema Scienza prosegue e approfondisce le riflessioni della sera durante l’Aperitivo con gli Autori di giovedì 2 luglio presso la Sala Buzzati di via Balzan 3 con inizio alle ore 12 avrà luogo l’incontro dal titolo “Professionisti dell’antimafia “. Vittorio Sgarbi, Manlio Sgalambro, Pietrangelo Buttafuoco, Flavio Soriga, Paolo Terni e Matteo Collura dialogheranno coordinati da Dino Messina.
lngresso libero fino ad esaurimento posti, solo con prenotazione al numero 02 87387707.
Quest’anno ogni appuntamento Aperitivo con gli Autori sarà preceduto da una proiezione di un frammento del filmato Dalle macerie della guerra, a cura dell’istituto Luce. Reperimento e selezione materiali: Luigi Orlotti.
 



BIOGRAFIE

LAURA MORANTE. Una carriera ineccepibile quella di Laura Morante, iniziata da giovanissima sotto il segno della cultura di primo piano – in teatro con Carmelo Bene, al cinema con Giuseppe e Bernardo Bertolucci, Nanni Moretti, Gianni Amelio – e poi proseguita in Italia e all’estero con risultati quasi sempre di alta qualità, e spesso condivisi con autori internazionali di grande prestigio: dal portoghese Monteiro all’elvetico Tanner, ai francesi Vecchiali e Resnais, e tanti altri ancora. Di volta in volta è stata misteriosa o solare, malinconica o ironicamente divertita, una complice di terroristi (Colpire al cuore), una professoressa inconsapevole oggetto di desiderio (Bianca), una madre vulnerabile colpita dalla tragedia (La stanza del figlio), o ancora, una moglie tradita alle prese con una crisi coniugale (Ricordati di me) e la scrittrice Sibilla Aleramo (Un viaggio chiamato amore).
Laura Morante è un’attrice autentica e completa, dotata di un’estesa gamma di toni espressivi, capace di raggiungere con naturalezza e apparentemente senza sforzo profondità interpretative insospettabili.

MANLIO SGALAMBRO. Filosofo, poeta e paroliere italiano, ha al suo attivo numerose pubblicazioni, tra cui Anatol (1990), Del pensare breve (1991), Dialogo teologico (1993), Dell’indifferenza in materia di società (1994), La consolazione (1996), Teoria della canzone (1997), Trattato dell’età: una lezione di metafisica (1999), De mundo pessimo (2004), La conoscenza del peggio (2007). Dagli anni ’90 collabora con il cantante Franco Battiato, sia sotto il versante musicale che in ambito cinematografico.

PIETRANGELO BUTTAFUOCO. È giornalista di “Panorama”, già al “Foglio”. Autore di Fogli consanguinei (2001), Le Uova del Drago (2005), L’Ultima del Diavolo (2008), Cabaret Voltaire (2008).

FLAVIO SORIGA. È nato a Uta, in provincia di Cagliari, nel 1975. Vive a Roma. Ha pubblicato: Diavoli di Nuraiò (2000, Premio Calvino), Neropioggia (2002, Premio Deledda Giovani), Sardinia Blues (2008, Premio Mondello Città di Palermo), L’amore a Londra e in altri luoghi (2009). Nel 2004, con Giovanni Peresson, ha realizzato lo spettacolo e il CD Meridiani Inquieti. Collabora con “La Nuova Sardegna” e “l’Unità”. È stato uno degli ideatori del festival letterario di Gavoi; da quattro anni organizza, con alcuni amici, il festival Settembre dei Poeti di Seneghe. Nel febbraio 2007 gli è stata assegnata dall'Università di Vienna la donazione per giovani scrittori della Abraham Woursell Foundation di New York.

PAOLO TERNI. Scrittore e musicista, è nato ad Alessandria d'Egitto dove ha vissuto fino alla prima adolescenza. Si è poi trasferito a Roma, e ha lavorato anche in Sardegna ad un progetto internazionale di sviluppo culturale. È stato invitato da Giulio Einaudi a Torino per realizzare a Dogliani la biblioteca modello “Luigi Einaudi”. È titolare della cattedra di Drammaturgia musicale all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica "Silvio D'Amico", ove insegna tuttora. Specializzato in musiche di scena. Lavora regolarmente con Luca Ronconi ed altri registi teatrali da più di vent'anni. Crea e conduce programmi di alta divulgazione musicale per Radio 3 della Rai. Tra i suoi libri ricordiamo In tempo rubato (1999), Un vento sottilissimo (2002), Perché cantano? (2006), Suite alessandrina (2008).

FRANCO MARESCO. Franco Maresco è nato a Palermo nel 1958. Per oltre vent'anni ha fatto coppia fissa con Daniele Ciprì, lavorando per la televisione e per il cinema. Il loro programma più noto è stato Cinico tv,andato in onda su RaiTre dal 1990 al 1994. Insieme hanno diretto Lo Zio di Brooklyn (1995), Totò che visse due volte (1998), Enzo, domani a Palermo (1999), Il ritorno di Cagliostro (2003), Come inguaiammo il cinema italiano (2004).
C&M si sono separati nel 2007. Attualmente Franco Maresco sta lavorando a un film dedicato a Tony Scott, il più grande clarinettista del jazz moderno.

MATTEO COLLURA. È nato ad Agrigento nel 1945. Tra i suoi libri ricordiamo  Associazione indigenti (1979), Sicilia sconosciuta (1984,), Baltico (1988); Il Maestro di Regalpetra – Vita di Leonardo Sciascia (1996); Eventi (1999); Alfabeto eretico (2002); In Sicilia (2004); Qualcuno ha ucciso il generale (2006); L’isola senza ponte (2007). È autore della versione teatrale del romanzo Todo modo di Sciascia. Vive a Milano e scrive articoli di cultura per il “Corriere della Sera”.  

JOHN DE LEO. Cantante, compositore, performer. Nato a Lugo (RA) il 27 maggio 1970, è da molti considerato la voce più interessante del panorama musicale italiano dell’ultimo decennio. Una voce-strumento, ora calda, grave, ora acuta, graffiante, le cui fondamenta soul sorreggono un vasto itinerario musicale che spazia dal jazz dei Crooner, al rock, al dub, alla Contemporanea. Con il gruppo Quintorigo De Leo ha partecipato ad innumerevoli manifestazioni di carattere nazionale, mentre nel teatro ha presentato alcuni spettacoli multimediali tra musica, recitazione e video-installazione in rassegne internazionali. Ha collaborato con Stefano Benni, Stefano Bollani, Paolo Fresu, Roberto Gatto, Franco Battiato, Enrico Rava, Ivano Fossati, Gianluca Petrella, Alessandro Bergonzoni. Il nuovo CD di John De Leo, Vago Svanendo (Carosello 2008), ha vinto il Premio della Critica della rivista "Musica&Dischi". Vago Svanendo è stato presentato dal vivo a: Festival Eurosonic 2008 (Grand Theatre Up di Groningen – Olanda), La Milanesiana 2008, Blue Note (MI), XX Festival di Villa Arconati, Casa del Jazz di Roma, Italia Wave Festival 2008, Auditorium Parco della Musica (Roma). 

» versione stampabile (pdf.pdf. 254 Kb)

» torna su