Sei in: Home < Minori e Famiglia < Archivio progetti < Tratta e sfruttamento < Numero Verde contro la tratta < Numero Verde contro la tratta

Politiche Sociali


Salta direttamente al contenuto
Salta direttamente alla Navigazione

 




Numero Verde contro la tratta

800.290.290 il numero verde contro la tratta
800 290 290 (GRATUITO E ATTIVO 24 ore su 24)
NUMERO VERDE CONTRO LA TRATTA:
chiama e liberati dalla schiavit¨ della prostituzione, dell’accattonaggio e dello sfruttamento lavorativo

 

Il Numero Verde contro la tratta degli esseri umani (800 290 290) Ŕ uno degli interventi messi in campo dal Dipartimento per le Pari OpportunitÓ per la protezione sociale delle vittime della tratta.

Il progetto consiste in un servizio telefonico gratuito - attivo 24 ore su 24 su tutto il territorio nazionale - in grado di fornire alle vittime, e a coloro che intendono aiutarle, tutte le informazioni sulle possibilitÓ di aiuto e assistenza che la normativa italiana offre per uscire dalla situazione di sfruttamento.

Il progetto, attivo dal 2000 a supporto delle vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale, da quest'anno si rivolge anche alle vittime di tratta per sfruttamento del lavoro, dell’accattonaggio e delle economie illegali.

La Provincia di Milano, con il rinnovo della convenzione con il Dipartimento, si Ŕ impegnata ad organizzare e gestire, in collaborazione con Associazione e Cooperativa Lule, Cooperativa Segnavia e Insieme nel futuro, la postazione telefonica territoriale per la regione Lombardia.

Il progetto, in base alle disposizione dell’art. 18 del DL. 286/98 e dell’art. 13 della L:228/2003, copre tutto il territorio nazionale con 14 postazioni locali con le seguenti funzioni:

  • rispondere alle richieste di aiuto e di informazioni non solo alle vittime di tratta, ma anche ai singoli cittadini,alle istituzioni pubbliche e agli enti del privato sociale coinvolti nelle tematiche della tratta;
  • indirizzare gli utenti agli operatori dei progetti di protezione sociale e dei programmi di assistenza attivi sul territorio;
  • raccordare le richieste tra i progetti locali e la rete nazionale.

 


NORMATIVA
 

LA LEGGE A DIFESA DELLE VITTIME DI TRATTA

La legge (art.13 della legge 11 agosto 2003 n.228) tutela le vittime della tratta. In particolare Ŕ prevista l’istituzione di uno speciale programma di assistenza per le vittime dei reati previsti dagli articoli 600 (“Riduzione o mantenimento in schiavit¨ o in servit¨”), 601 (“Tratta di persone”)e 602 (“Acquisto e alienazione di schiavi”) del Codice penale.
Alle vittime di sfruttamento Ŕ garantita assistenza e accoglienza.

L’articolo 18 del D.lsg. 286/98 “Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero” prevede inoltre la possibilitÓ di aderire a percorsi di protezione sociale che prevedono l’avvio di percorsi di accompagnamento mirati all’integrazione socio-lavorativa.

Contattando il numero verde 800 290 290 verranno garantiti assistenza, accompagnamento in comunitÓ alloggio, sostegno psicologico, tutela legale e assistenza nell’ottenimento dei permessi di soggiorno.



IL REATO DI IMMIGRAZIONE CLANDESTINA

In Italia l’immigrazione clandestina costituisce reato (D.Lgs. 286/98 - Testo Unico immigrazione) La pena prevista Ŕ una ammenda da 5000 a 10000 euro secondo quanto contenuto nella Legge 15 luglio 2009, n. 94 (facente parte del cosidetto pacchetto sicurezza) pubblicata in Gazzetta Ufficiale 24 luglio 2009, n. 170.

Vengono espulsi o accompagnati alla frontiera gli stranieri che non hanno un regolare visto di ingresso o un permesso di soggiorno

  • Sono clandestini gli stranieri entrati in Italia senza regolare visto di ingresso
  • Sono irregolari gli stranieri che hanno perduto i requisiti necessari per la permanenza sul territorio nazionale (es: permesso di soggiorno scaduto e non rinnovato), di cui erano per˛ in possesso all'ingresso in Italia. I CLANDESTINI, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEVONO ESSERE RESPINTI ALLA FRONTIERA O ESPULSI

 
Non possono essere espulsi immediatamente se:

  • occorre prestare loro soccorso
  • occorre compiere accertamenti sulla loro identitÓ o nazionalitÓ
  • occorre preparare i documenti per il viaggio
  • non Ŕ disponibile un mezzo di trasporto idoneo
  • devono essere trattenuti, previo provvedimento del questore convalidato dal magistrato, presso appositi centri di permanenza temporanea e assistenza (art.14 del Testo Unico n. 286/98) per il tempo strettamente necessario per la loro identificazione ed espulsione

Il Ministro dell'interno adotta i provvedimenti che occorrono per l'esecuzione dell'espulsione (anche mediante convenzioni con altre amministrazioni dello Stato, con gli enti locali, con i proprietari o concessionari di aree, strutture e altre installazioni) e per la realizzazione di interventi assistenziali.

 

LA DIREZIONE CENTRALE DELLA POLIZIA DELL’IMMIGRAZIONE E DELLE FRONTIERE

╚ stata istituita presso il Dipartimento della pubblica sicurezza dalla legge 30 luglio 2002, n. 189, meglio nota come legge Bossi-Fini, per favorire lo sviluppo di strategie d’azione innovative e pi¨ efficaci, anche sul piano internazionale, nel contrasto all’immigrazione clandestina e per gestire le problematiche che riguardano la presenza degli stranieri sul territorio nazionale (fonte www.interno.it)

 

 


Per la diffusione del Numero Verde sono disponibili questi materiali:

mp3  Spot radiofonico (formato MP3 480 KB) diffuso dalle radio locali lombarde 
pdf  Manifesti in italiano e in undici lingue straniere (formato PDF 1.301 KB) diffusi in luoghi pubblici e privati, sulle reti delle Ferrovie Nord e sui mezzi pubblici cittadini.