Sei in: Home < Minori e Famiglia < Madre Segreta < I diritti della madre e del bambino < I diritti della madre e del bambino

Politiche Sociali


Salta direttamente al contenuto
Salta direttamente alla Navigazione

 




I diritti della madre e del bambino

Il riconoscimento

 

Il riconoscimento di un bambino è un atto volontario e legale, compiuto da entrambi i genitori o da uno di essi (art. 250 Codice Civile).
L'atto del riconoscimento può essere effettuato presso l'Ospedale entro 3 giorni dalla nascita, oppure entro 10 giorni presso il Comune di nascita del bambino o di residenza della madre (art. 30 L.396/2000).
La madre che, per particolari e gravi motivi, non è in grado di formalizzare il riconoscimento entro 10 giorni, può chiedere al Tribunale per i Minorenni una proroga (chiamata sospensione dell'iter adottivo) per un massimo di 60 giorni; in questo periodo la madre deve mantenere con continuità la relazione con il bambino (art.11 L.184/1983).
Alla madre minore di sedici anni non è consentito riconoscere il proprio figlio: se vuole tenere il bambino con sé, può fare domanda di autorizzazione al riconoscimento  presso il Tribunale Ordinario (art. 1 L.219/2012). In attesa del riconoscimento, il Tribunale per i Minorenni nomina un tutore per il neonato. 
La legge permette a ogni donna di esprimere la volontà di non riconoscere il proprio figlio, dichiarando di non voler essere nominata nell'atto di nascita e di mantenere così l'anonimato (art.30 L. 396/2000).
 

 

I diritti della madre che non riconosce

 

Ogni donna ha il diritto di essere informata sulle norme che regolano il riconoscimento e sulle risorse di aiuto
La madre che non riconosce ha gli stessi diritti delle altre donne in tutte le fasi della gravidanza, del parto e del dopo parto. 
Anche una donna coniugata può non riconoscere il bambino.
Il nome e le notizie sulla madre che "non consente di essere nominata" nell'atto di nascita sono tutelati per legge. 
 
 

I diritti del bambino non riconosciuto

 

Tutti i bambini, anche se non riconosciuti alla nascita, possiedono i diritti fondamentali: capacità giuridica (diritto al nome e alla cittadionanza) e dirittto all' educazione. Entro 10 giorni dalla nascita il neonato non riconosciuto riceve un nome dallo Stato Civile del Comune di nascita e acquisisce la cittadinanza italiana: il Tribunale per i minorenni nomina un tutore e provvede immediatamente ad aprire il procedimento di adottabilità. Al neonato viene garantito così, il più rapidamente possibile, il diritto a una famiglia attraverso l'affidamento a una coppia adottiva; dopo un anno acquista, mediante l'adozione, lo status di figlio. 

L'adottato, raggiunto i 25 anni di età potrà risalire alle sue origini.