Sei in: Home < Minori e Famiglia < Spazio Neutro < I Servizi < Carate Brianza (MB) < Carate Brianza (MB)

Politiche Sociali


Salta direttamente al contenuto
Salta direttamente alla Navigazione

 




Ambito Carate Brianza (MB)

 il logo dell'Associazione Diapason Cooperativa Socialemappa  spazio neutro provincia MB

Un Nuovo Giardino nasce nel 2000, nell’ambito dell’Accordo di Programma “Peter Pan” *, dei 13 Comuni dell’Ambito Distrettuale di Carate (Albiate (capofila), Besana in Brianza, Biassono, Briosco, Carate Brianza, Lissone, Macherio, Renate, Sovico, Triuggio, Vedano al Lambro, Veduggio con Colzano, Verano Brianza), in collaborazione con la Cooperativa Diapason ( per la gestione del servizio) e l’associazione  La Casa di Emma ( per la sede principale),  per assolvere la finalità  di permettere, sostenere e incentivare la relazione genitoriale, attraverso la realizzazione d’incontri protetti in luogo neutro tra minori ed i loro genitori od altri adulti significativi.

Dopo alcuni anni di sperimentazione, Un Nuovo Giardino si è consolidato, divenendo un Servizio inter distrettuale, organizzato per gestire fino a 40 incontri protetti mensili e da un anno circa ha aperto l’accesso a pagamento anche a comuni esterni all’Ambito Territoriale.

L’accesso al Servizio è sempre mediato dagli operatori delle  Aree Minori o dei Servizi Sociali dei Comuni interessati (quasi sempre per mandato dell’Autorità Giudiziaria), che sono i referenti istituzionali di Un Nuovo Giardino e partecipano alla  progettazione di ogni intervento e lavorano in rete con gli operatori di Un Nuovo Giardino.

Destinatari prioritari del Servizio sono i minori e  i loro genitori (o altri adulti significativi), in situazioni d’interruzione (o di assenza) dei rapporti a causa di problemi verificatisi nell’ambito del nucleo familiare o in condizioni pregiudizievoli per i minori stessi.

Le situazioni problematiche sovente nascono da  forme di conflitto sorto tra i genitori, che invece di risolversi nel tempo, si complica sul piano legale e relazionale,  coinvolgendo in questa dinamica anche i figli ed  essendo per loro causa di sofferenza.

Altre situazioni problematiche possono derivare da patologie psichiche o fisiche, o ancora da difficoltà socio-culturali degli adulti, che hanno con i propri figli relazioni  più o meno compromesse o pregiudizievoli,   attuando nei loro confronti comportamenti che vanno dalla trascuratezza all’incuria , al  maltrattamento alla violenza.

I genitori  che accedono al servizio sono considerati destinatari diretti dell’intervento, essi infatti devono essere sostenuti  adeguatamente perché possano riuscire a mettere in atto il cambiamento  necessario al superamento delle condizioni di pregiudizio della relazione con i propri  figli

Un Nuovo Giardino offre un contesto protetto in cui i minori possono essere aiutati a mantenere o migliorare la  relazione con un familiare per loro significativo e gli adulti possono esprimere e sviluppare le proprie competenze genitoriali, sostenuti dalla presenza di un operatore e facilitati dalla metodologia e dalle peculiarità del Servizio.

Un Nuovo Giardino vuole facilitare la ricerca di nuovi equilibri dove i rapporti si sono interrotti o dove siano compromessi da vissuti faticosi, perciò si prefigge di sostenere gli adulti nel loro ruolo educativo, coinvolgendoli nella condivisione del progetto e degli obiettivi, accompagnandoli in un percorso di ridefinizione della loro relazione con il minore.

L’équipe operativa  di Un Nuovo Giardino  è formata da professionisti della Cooperativa Diapason che  garantiscono la realizzazione degli interventi: essi  realizzano una riunione settimanale d’équipe, una supervisione mensile interna al servizio, inoltre usufruiscono  costantemente della formazione e della supervisione offerte dallo Spazio Neutro della Provincia di Milano.

La coordinatrice partecipa ai Tavoli di Coordinamento organizzati dallo Spazio Neutro della Provincia di Milano.

Le sedi di Un Nuovo Giardino sono dislocate in tre Comuni dell’ambito territoriale ed hanno caratteristiche diverse per spazi, dislocazione e contesto,  permettono così d’individuare  di volta in volta quella più adeguata alle esigenze degli incontranti ed alle caratteristiche del progetto.