Sei in: Home < Minori e Famiglia < Spazio Neutro < I Servizi < Lecco (Lc) < Lecco (Lc)

Politiche Sociali


Salta direttamente al contenuto
Salta direttamente alla Navigazione

 




Ambito Lecco (Lc)

Logo della Casa Don Guanella di LeccoLo Spazio Neutro della Casa Don Guanella nasce nel 2008 per mettere a frutto l’esperienza maturata negli anni riguardo agli incontri fra minori inseriti nella comunità educativa (prima missione della Casa Don Guanella) e i propri famigliari e per rispondere ad un bisogno espresso dal territorio.

Dal 2008 fa parte del coordinamento dei servizi per il diritto di visita e di relazione della Provincia di Milano, ispirando l’articolazione del proprio servizio di Spazio Neutro alle linee guida da esso proposte, pur avendo voluto mantenere fra le proprie peculiarità un’attenzione particolare all’empowerment genitoriale (vengono infatti proposti specifici colloqui individuali con gli adulti coinvolti nel progetto).


Destinatari

  • figli di genitori con limitazione o sospensione della potestà genitoriale per i quali è necessario garantire il mantenimento della relazione
  • figli inseriti in famiglia affidataria, per i quali è necessario l'accompagnamento nel rapporto con i genitori naturali durante il percorso dell'affidamento familiare;
  • figli di genitori separati o divorziati che, a causa dell'alta conflittualità degli adulti coinvolti, rischiano di perdere la relazione con uno dei genitori

Finalità

  • Garantire il diritto di visita e relazione fra minori e famigliari
  • Mantenere, valorizzare, sostenere, ricostruire le relazioni fra i minori e i loro famigliari
  • Offrire un’opportunità di dialogo, confronto e crescita sulle competenze genitoriali


Strumenti

  • Incontri protetti e/o osservati fra il minore e i suoi famigliari
  • Colloqui dell’operatore con i famigliari
  • Colloqui dell’operatore con il minore
  • Colloqui di mediazione dell’operatore per alcune comunicazioni fra il minore e la sua famiglia


Ruolo dell’operatore
“Il ruolo dell’operatore all’interno dell’incontro potrà variare da situazione a situazione ed anche all’interno dello stesso incontro. Deve essere un osservatore, un facilitatore delle relazioni, ma talvolta anche colui che fa rispettare gli accordi presi con le parti, colui che distoglie l’attenzione, che fa interventi di alleggerimento, che sdrammatizza o drammatizza. L’attenzione comunque è sempre rivolta soprattutto ai segnali forniti dal bambino.” (cfr Linee Guida – I Servizi per il diritto di visita e di relazione- Provincia di Milano).


Modalità
In molte situazioni il lavoro di Spazio Neutro è possibile anche grazie alla collaborazione del nucleo familiare e attraverso spazi di dialogo che permettano la rielaborazione delle modalità di relazione in corso, nella ricerca congiunta di altre possibili modalità da sperimentare.
Per questo occorre un tempo di lavoro sufficiente per poter creare rapporti di conoscenza e di fiducia fra l’operatore e le parti in causa.
Occorrono, in ogni caso, momenti di colloquio con gli adulti del nucleo famigliare senza la presenza del minore.
In ultimo occorre un ambiente accogliente dove poter effettuare gli incontri.
Lo Spazio Neutro è dotato di specchio unidirezionale e telecamera, utilizzabili su richiesta specifica.


Operatori coinvolti

L’équipe dello Spazio Neutro individua l’operatore di riferimento. Questi e il coordinatore effettuano i primi colloqui di conoscenza e ambientamento con il minore e, separatamente, con gli adulti che lo incontreranno e le attuali figure di riferimento del minore. Gli incontri verranno condotti da un solo operatore dello Spazio Neutro. (In alcune situazioni potrà essere concordato con il servizio inviante la necessità di avere 2 operatori compresenti durante gli incontri).
In base alle singole situazioni, in caso di assenza dell’operatore di riferimento per ferie o malattia, si provvederà a sostituirlo con un collega o a rimandare l’incontro.


Luogo dove è possibile svolgere l’incontro
Gli incontri possono essere svolti in luoghi differenti in base a quanto ritenuto opportuno dall’équipe che lavora sul caso

  • locale specificatamente adibito allo scopo
  • altro ambiente della comunità (ove ritenuto opportuno, se disponibile)
  • cortile piccolo o grande della Casa Don Guanella
  • esterno


Iter di presa in carico

  • Presentazione del caso al servizio Spazio Neutro da parte dei Servizi Sociali invianti
  • Colloqui di ambientamento con il minore e gli incontranti
  • Colloquio di conoscenza con le attuali figure di riferimento del minore
  • Primi incontri di osservazione e conoscenza del rapporto minore-incontranti
  • Proposta di Progetto Educativo Individualizzato da parte dello Spazio Neutro ai Servizi Sociali e inizio del lavoro per obiettivi
  • Momento di restituzione con gi incontranti e proposta di alcuni obiettivi da perseguire
  • Se possibile, momento di restituzione con il minore
  • Verifiche in itinere con i Servizi Sociali

 

 

Spazio Neutro di Lecco: interno Spazio Neutro di Lecco: sala giochi
Spazio Neutro di Lecco: il giardino Spazio Neutro di Lecco: il campo sportivo