Città Metropolitana di Milano Città metropolitana di Milano
Territorio e comuni
Cerca

Cerca nel sito

 

Comune di Baranzate

Info

Via Conciliazione 19 20021, Baranzate
T. 02 39306700
Email
PEC
Vai alla pagina dell' URP
Vai al sito di Baranzate
Sindaco
Luca Mario Elia
Scrivi al Sindaco

Storia del Comune

La prima citazione del nome di Baranzate risale ad un codice Longobardo del 994 d.c che parla di Balanziate. Tra la fine del Trecento e la fine del Quattrocento Baranzate era un villaggio esclusivamente agricolo con un nucleo centrale il cui territorio era percorso da numerosi torrenti e fontanili. Nel 1450 iniziò il periodo della dinastia sforzesca e venne introdotta la coltivazione dei gelsi (per l'allevamento dei bachi da seta) che terminò attorno
al 1930 a causa dell’avvento della seta artificiale. Sotto il dominio spagnolo tutte le comunità vennero censite a scopo fiscale e le popolazioni furono suddivise in rurali e nobili. Nel 1713 il Ducato di Milano venne ceduto dalla Spagna all’Austria.
Con l'avvento di Napoleone Bonaparte, il territorio della Pianura Padana e della Lombardia entrarono a far parte dell’impero francese e nel 1797 Milano diventò capitale della Repubblica Cisalpina. Dopo la sconfitta di Napoleone a Waterloo, nel 1859 la Lombardia fu ceduta dall'impero austriaco a Vittorio Emanuele II di Savoia ed annessa al Regno di Sardegna. Il 14 marzo 1861 il regno sabaudo si trasformò in Regno D’Italia con capitale Torino.
Il 24 febbraio 1869 con Regio Decreto firmato da Vittorio Emanuele II si stabilì l'annessione del comune di Baranzate al comune di Bollate. In questo periodo la bachicoltura costituisce la fonte principale di reddito per le famiglie contadine con la presenza sul territorio baranzatese di 2.243 gelsi.  Sul territorio nascono molte industrie e la pressante richiesta di abitazioni porta ad un'urbanizzazione irrazionale e disordinata nelle aree confinanti con il comune di Milano: le coltivazioni agricole scompaiono progressivamente.
Il 21 maggio 1997 il Comitato "Uniti per Baranzate" richiedere la costituzione di Baranzate quale comune autonomo. Il 13 novembre 2001, il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato il disegno di legge n. 349 "Istituzione del Comune di Baranzate in provincia di Milano".Ma l'Amministrazione Comunale di Bollate fa ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale e il 13 febbraio 2003 con sentenza della Corte Costituzionale il Comune di Baranzate cessa di esistere. La motivazione riguarda la non validità del referendum del 1999, al quale hanno partecipato i soli cittadini della frazione. La sentenza indica la via da seguire per ottenere l'autonomia. La mozione di scorporo da Bollate è stata in seguito ripresentata e la legge regionale n. 13 del 22 maggio 2004, entrata in vigore il successivo 8 giugno, ha definitivamente sancito la costituzione di Baranzate in Comune.

Storia dello Stemma

Popolazione e territorio

La superficie del comune è di 2,8 kmq per una popolazione legale di 10.779 abitanti (al 9.10.2011).
Scarica la scheda demografico-amministrativa.

Ambiente

Sistema informativo ambientale
portale della Città metropolitana di Milano per la consultazione di dati e cartografie provenienti da differenti aree tematiche. La sezione Catalogo Dati del portale consente l'accesso a tutti i metadati disponibili, organizzati per Aree Tematiche. Per ogni sotto tematica sono indicate le modalità di consultazione del dato.

http://ambiente.provincia.milano.it/sia/ot/home/home.asp

Cultura e turismo
Chiesa Parrocchiale di Nostra Signora della Misericordia

Chiesa Parrocchiale di Nostra Signora della Misericordia

E' detta anche "chiesa di vetro" per le pareti a specchio che fanno risaltare ancora di più il suo volume di parallelepipedo rialzato sul terreno. E' stata costruita nel 1957 con cemento armato prefabbricato usando per la specchiatura un particolare materiale contenente lana di vetro illuminante e isolante. Originale architettura realizzata dagli architetti Mangiarotti e Morassutti e dall’ing. Favini, inaugurata dal cardinale Montini. La struttura è circondata da un muro con le 14 stazioni della Via Crucis realizzate dallo scultore Gino Cosentino. Ha lo stile tipico dei suoi autori, impegnati nella ricerca sui materiali, la prefabbricazione e la costruzione edilizia.


Scuole

Tutte le scuole per tipologie di istruzione: liceale, tecnica, professionale http:/www.iter.mi.it/

 
indietro