Città Metropolitana di Milano Città metropolitana di Milano
Territorio e comuni
Cerca

Cerca nel sito

 

Comune di Cambiago

Info

Via Indipendenza 1 20040, Cambiago
T. 02 950821
Email
PEC
Vai alla pagina dell' URP
Vai al sito di Cambiago
Sindaco
Laura Tresoldi
Scrivi al Sindaco

Galleria fotografica

Storia del Comune

Nota oggi anche per il casello che la accomuna a Cavenago lungo l'autostrada Milano-Venezia, sta in una fascia di pianura fra il corso dell'Adda e quello del Molgora, appena a nord del canale Villoresi. Il suffisso "ago" nel nome rivela, come per numerosi altri Comuni del Milanese, un'origine celtica, non però documentata altrimenti che sotto il profilo linguistico. Il tono attuale dell'abitato conserva aspetti d'epoca, nelle forme di un borgo rurale cresciuto attorno alla chiesa. Quest'ultima, la parrocchiale di San Zenone, ha oggi veste non più antica di un secolo anche se la sua storia è molto più lunga, ed è forse meno interessante della chiesetta della Beata Vergine del Rosario che si trova in frazione Torrazza dei Mandelli. Storica, sotto un altro profilo, è anche la vicenda di un'industria nata e cresciuta a Cambiago, oggi di fama ben più che italiana: quella delle biciclette Colnago.

Storia dello Stemma

Questo stemma ha una sua duplice e inequivocabile derivazione. Esso deriva, in forma identica, da uno stemma relativo alla "Comunità di Cambiago", riprodotto a pagina 322 del Volume I dello Stemmario Cremosano e, con qualche lieve variante, dallo stemma dell'antica famiglia lombarda dei de Cambiago, riprodotto a pagina 94 dello Stemmario Trivulziano. Il termine araldico "incappato" indica una figura a forma di triangolo isoscele, con il vertice nel punto centrale del lato superiore dello scudo e la base che coincide con il lato inferiore dello scudo. Questo stemma rispetta una delle più importanti leggi dell'araldica, secondo cui un fondo o una figura smaltati con un metallo (oro, argento) non possono essere mai caricati da una figura smaltata con un altro metallo, ma solo con una figura smaltata con un colore (rosso, azzurro, verde, nero, porpora). Nello stemma di Cambiago, infatti, il fondo di rosso (colore) è caricato della cappa d'argento (metallo). Si osserva, peraltro, che lo stemma è cimato da una corona che non è quella regolamentare di Comune.

Popolazione e territorio

La superficie del comune è di 7,2 kmq per una popolazione legale di 6.508 abitanti (al 9.10.2011).
Scarica la scheda demografico-amministrativa.

Ambiente

Sistema informativo ambientale
portale della Città metropolitana di Milano per la consultazione di dati e cartografie provenienti da differenti aree tematiche. La sezione Catalogo Dati del portale consente l'accesso a tutti i metadati disponibili, organizzati per Aree Tematiche. Per ogni sotto tematica sono indicate le modalità di consultazione del dato.

http://ambiente.provincia.milano.it/sia/ot/home/home.asp

Cultura e turismo

Centro storico

Il vecchio nucleo di Cambiago, pur con notevoli rimaneggiamenti, conserva edifici che portano il nome di importanti famiglie, come il Palazzo Cottini, in via Oberdan, e la Villa Perani che forma un unico complesso con Palazzo Lattuada.


Chiesa di San Zenone

La parrocchiale, dedicata al patrono S. Zenone, con la facciata sull’omonima piazza e l’abside in piazza Marconi, è di recente costruzione. Realizzata agli inizi del secolo su una chiesa più antica, è stata ultimata nel 1910. La facciata presenta un solenne aspetto rinascimentale, mentre l’interno, a tre navate, è ricco di interessanti pitture del bergamasco Davide Beghé. Interessante anche la vetrata con l’immagine stilizzata di Cristo che si trova dietro il coro. La chiesa conserva un bellissimo organo che porta la data 1848.


Chiesetta della Beata Vergine del Rosario

In frazione Torrazza dei Mandelli, la famiglia patrizia milanese che qui aveva fissato la residenza di campagna. (un tempo Madonna della neve).


Territorio e parchi

Nel comune di Cambiago si trova il Parco Rio Vallone

Scuole

Tutte le scuole per tipologie di istruzione: liceale, tecnica, professionale http:/www.iter.mi.it/

 
indietro