Città Metropolitana di Milano Città metropolitana di Milano
Territorio e comuni
Cerca

Cerca nel sito

 

Comune di Cesate

Info

Via Don Oreste Moretti 10 20020, Cesate
T. 02 994711
Email
PEC
Vai alla pagina dell' URP
Vai al sito di Cesate
Sindaco
Roberto Vumbaca
Scrivi al Sindaco

Galleria fotografica

Storia del Comune

Nel nord-ovest del Milanese tra Garbagnate e Solaro, al limite con il Comune varesino di Caronno Pertusella, è l'alto-medievale "Cixate", di cui si è conservato un sarcofago carolingio dell'VIII o IX secolo ora esposto nel cortile della biblioteca. I secoli fra Medioevo e Rinascimento sono ben rappresentati dalla chiesetta della Madonna del Latte, che custodisce un affresco della bottega di Bernardino Luini. L'inizio dell'industrializzazione novecentesca trova testimonianza di archeologia industriale nel cotonificio dei conti Poss di Verbania. Gli esempi migliori dell'edilizia postbellica appaiono nel quartiere INA Casa (1952, sul modello delle "new town" britanniche) coordinato da Franco Albini e dallo studio BBPR, e nella chiesa di San Francesco (1956) progettata da Ignazio Gardella. Cesate è uno dei diciassette Comuni del Milanese consorziati nel Parco Naturale Regionale delle Groane.

Storia dello Stemma

Due le esigenze che hanno orientato gli amministratori nella composizione del nuovo stemma: da un lato si è voluto introdurre nell'emblema araldico la figura principale dello stemma di un'omonima, antica famiglia lombarda che ha tratto la sua più probabile origine proprio da quella terra; dall'altro si è inteso rappresentare nello stemma una figura che richiamasse l'aspetto naturalistico del suo territorio. Per quanto concerne il primo aspetto, la figura delle due zampe di aquila è stata tratta dallo stemma della famiglia de Cixate, miniato a pagina 89 dello Stemmario Trivulziano, che risulta così blasonato: Di rosso, a due artigli alati d'argento, armati di nero, quello di destra rivoltato. Quanto all'aspetto naturalistico, l'inserimento nello stemma della figura dell'albero verdeggiante fondato sulla pianura tende a descrivere quale sia la natura più vera del territorio comunale, che comprende boschi, brughiere e campi di cereali. Nell'araldica italiana, per "campo di cielo" si intende uno sfondo che è dipinto al naturale, così come in un vero paesaggio.

Popolazione e territorio

La superficie del comune è di 5,8 kmq per una popolazione legale di 13.858 abitanti (al 9.10.2011).
Scarica la scheda demografico-amministrativa.

Ambiente

Sistema informativo ambientale
portale della Città metropolitana di Milano per la consultazione di dati e cartografie provenienti da differenti aree tematiche. La sezione Catalogo Dati del portale consente l'accesso a tutti i metadati disponibili, organizzati per Aree Tematiche. Per ogni sotto tematica sono indicate le modalità di consultazione del dato.

http://ambiente.provincia.milano.it/sia/ot/home/home.asp

Cultura e turismo

Santuario della Beata Vergine delle Grazie

Edificato nel XVII secolo ospita importanti affreschi: la Madonna con Gesù Bambino e i Santi del XV secolo, vicina ai modi di Vincenzo Foppa, Bernardino Butinone e Bernardo Zenale, e la Madonna con Gesù del XVI secolo che ricorda le realizzazioni di Bernardino Luini. Di particolare bellezza la pala d'altare dell'Allegoria della Madonna del Latte: rara iconografia in cui la Vergine è seduta su una nuvola, mentre nella parte inferiore del dipinto due donne stanno per allattare i propri figli.


Chiesa parrocchiale dei Santi Alessandro e Martino

Edificata nel 1619 e successivamente ampliata, conserva un crocefisso ligneo intagliato e scolpito del XVI secolo. L'altare maggiore è in marmi policromi scolpiti e il ciborio risale al XVIII sec. Sono inoltre da segnalare l'interessante tela seicentesca con Sant’Alessandro martire in veste di soldato romano e la statua settecentesca della "Madonna del Rosario".


Pineta di Cesate

L’area compresa tra i Comuni di Solaro, Cesate, Garbagnate Milanese si trova in un tessuto paesaggistico di matrice agricola (confine est) e urbano-industriale (confini nord, sud, ovest). L’area in questione è inserita completamente all’interno del Parco Regionale delle Groane, istituito nel 1976. Questo sito di interesse comunitario si stende su 250 ettari ed è coperto per metà da alberi ad alto fusto (pino silvestre, quercia, ecc.). Numerosi percorsi, tutti organizzati secondo uno schema circolare, permettono la fruizione dell'area. I pini introdotti da Maria Teresa d'Austria hanno inizialmente proliferato per poi dare ampio spazio a querce e altri alberi ad alto fusto. All'interno dell'area lo stagno di Manuè merita una visita sia per la ricca vegetazione, sia per le diverse e rare specie animali.

 

 


Territorio e parchi

Nel comune di Cesate si trova il Parco Groane

Scuole

Tutte le scuole per tipologie di istruzione: liceale, tecnica, professionale http:/www.iter.mi.it/

 
indietro