Città Metropolitana di Milano Città metropolitana di Milano
Territorio e comuni
Cerca

Cerca nel sito

 

Comune di Lacchiarella

Info

Piazza Risorgimento 1 20084, Lacchiarella
T. 02 9057831
Email
PEC
Vai alla pagina dell' URP
Vai al sito di Lacchiarella
Sindaco
Antonella  Violi
Scrivi al Sindaco

Galleria fotografica

Storia del Comune

Al limite con il territorio della Provincia di Pavia, nella Bassa a est del Naviglio Pavese, il centro è situato in una zona di insediamento almeno anticoromano, che nell'Alto Medioevo fu percorsa da Unni, Goti, Longobardi, Franchi e Ungari, e più tardi teatro di battaglie tra Milano e Pavia. Ai bisogni di difesa provvide la Rocca, smantellata dopo il 1275 ma fatta ricostruire una ventina d'anni più tardi da Matteo Visconti. Dal Cinquecento la affianca l'Oratorio di San Rocco, mentre la parrocchiale dell'Assunta risale al primo Seicento, anche se ritoccata nei secoli successivi. L'edificio superstite più antico è la chiesa di San Biagio, citata già nel 1280 dal Liber Notitiæ Sanctorum Mediolani come pieve di Decimo. Fra i nomi dei signori feudali del luogo ricorrono, dopo Angelo Simonetta (1408), quelli dei Doria, degli Stampa e degli Anguissola. Nel territorio si trova l'Oasi di Lacchiarella, in parte proprietà del Comune, che la gestisce.
Nome degli abitanti: Ciarlaschi.

Storia dello Stemma

Questo stemma si ricollega alla storia e al territorio del Comune. Ricorda, infatti, uno dei primi titolari del suo feudo: Carlo Sforza Visconti, che nel 1475 aveva ricevuto questa terra dal suo padre naturale, il duca Galeazzo Maria Sforza. Ricorda, altresì, l'antichissimo Castello Visconteo, che occupa il centro del suo abitato. Il ricordo degli Sforza, fra i primi feudatari di Lacchiarella, è stato visualizzato nello stemma del Comune inserendovi - sia pur con qualche lieve variazione - la figura del leone che tiene con le sue branche un ramo di cotogno, figura tratta dallo stemma della famiglia Sforza di Milano (vedi lo stemma della famiglia Sforza di Milano a pagina 528 del Volume II del Dizionario storico-blasonico di G.B. di Crollalanza). Il ricordo del suo antico castello è stato, invece, ottenuto, inserendo nello stemma la figura araldica della torre argentata. I termini araldici di "aperta" e "finestrata", relativi alla torre, vogliono significare che sia la porta sia la finestra della torre sono di colore azzurro, ossia del colore del campo che sta dietro la torre e che si vede dalla porta e dalla finestra, aperte.

Popolazione e territorio

La superficie del comune è di 24 kmq per una popolazione legale di 8.390 abitanti (al 9.10.2011).
Scarica la scheda demografico-amministrativa.

Ambiente

Sistema informativo ambientale
portale della Città metropolitana di Milano per la consultazione di dati e cartografie provenienti da differenti aree tematiche. La sezione Catalogo Dati del portale consente l'accesso a tutti i metadati disponibili, organizzati per Aree Tematiche. Per ogni sotto tematica sono indicate le modalità di consultazione del dato.

http://ambiente.provincia.milano.it/sia/ot/home/home.asp

Cultura e turismo

Cascina Coriasco

Recentemente restaurata dal Comune, questa antica e caratteristica struttura è attualmente utilizzata per ospitare varie manifestazioni culturali e ricreative, dando la possibilità di vivere momenti di svago e divertimento in una cornice unica e incantevole. Un luogo non solo da visitare, ma da vivere.


La Rocca Viscontea

La Rocca, situata nella piazza principale, è stata ricostruita nel XIII Secolo da Matteo Visconti, signore di Milano, sulle fondamenta del precedente castello, risalente alla fine del Duecento. Presenta una pianta ad L con corte centrale e merli in parte murati o raccordati ad arco. I caratteri sono tipici dell'architettura viscontea: impianto regolare, costruzione in laterizio a vista, posizione centrale rispetto all'abitato. Il castello era interamente circondato dalle acque della Roggia Ticinello, infatti è ancora presente una passerella levatoia.
La Rocca, attualmente sede istituzionale, è visitabile secondo tempi e modalità stabilita dall'amministrazione comunale. (aula consigliare, biblioteca, pro loco).


Oasi di Lacchiarella

Area che si estende per circa 40 ettari all'interno del Parco Agricolo Sud Milano, nata da un rapido processo di rinaturalizzazione spontanea in cui gli alberi e gli arbusti tipici della Pianura Padana hanno colonizzato un gruppo di fondi agricoli abbandonati dall'uomo e hanno ricreato ambienti ormai estremamente rari nella pianura agricola. L'avifauna che vi si può osservare costituisce indubbiamente una delle principali attrattive dell'Oasi in ogni periodo dell'anno.
L'Oasi è gestita dalla Lega Italiana Protezione Uccelli (LIPU) ed è munita di un centro visite, area didattica per scolaresche e sentiero natura. L'apertura dell'Oasi coincide solo ed esclusivamente con l'orario delle visite guidate. All'interno dell'Oasi, il Laghetto di Villamaggiore è gestito dall'Associazione Pescatori Dilettanti; è aperto ai soci tutti i giorni e al pubblico la domenica pomeriggio.


Territorio e parchi

Nel comune di Lacchiarella si trova il Parco Agricolo Sud Milano

Scuole

Tutte le scuole per tipologie di istruzione: liceale, tecnica, professionale http:/www.iter.mi.it/

 
indietro

Siti tematici

Info

URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico

lunedì - giovedì: 9.00 - 13.00 / 14.00 - 16.00
venerdì: 9.00 - 13.00