Cerca

Cerca nel sito

Athos Collura. Ogni sogno infranto

Wed Nov 23 08:39:00 CET 2016 - di Renato Minotti

Athos Angelino Collura, artista intriso di grande vitalità e curiosità, si presenta come un esploratore dell'uomo e della società attraverso il suo percorso artistico apparentemente caotico ma "pittore", come lui stesso si definisce, "di continua ricerca". Il video racconta l'uomo e l'artista, il suo percorso di vita, in una sorta di confessione, un collage di ricordi, esperienze, incontri: la nonna, il padre, la scuola a Palermo, Milano, la ricerca pittorica, il lavoro.

41 min, 2015

scheda catalografica


Athos Collura, pittore e scenografo, nel 1961, dopo aver concluso i suoi studi all'Accademia di Belle Arti  di Palermo, si trasferisce a Milano dove lavora  e risiede. Elabora avvenimenti e  prestazioni non solo nei teatri italiani, ma anche in ogni parte d’Europa. L'artista sperimenta con le varie tecniche e con le linguaggi per esprimere la sua creatività multi sfaccettata. Nel 1960, è uno di pochi artisti ad avvicinarsi al movimento internazionale psichedelico, un periodo molto intenso durante cui crea delle installazioni ambientali. Nel 1970, espone regolarmente alla Galleria dei Lanzi in Milano. Con il ritorno del figurativo, continua il suo lavoro rivisitando il periodo di Deco con un ciclo di dipinti chiamati Controliberty. E’ il 1980 quando il suo lavoro è fortemente ispirato dalla metafisica ed il surrealismo ma non ha niente a che fare con qualunque corrente artistica ma avrà il suo proprio percorso. Dal 1980 attraverso 1998 dipinge un ciclo chiamato Confini.
La sua atmosfera simile al sogno ed il suo tempo viaggiando dal primo ventennio del secolo attraverso la pop art, l'ha portato all'uso del codice a barre come un'icona della nostra società dei consumi: è un atto di provocazione che mette in discussione non solo il sistema dell’ arte, ma anche i suoi cicli precedenti. Dal 2000 in poi, il suo lavoro è caratterizzato dall'annullamento del segno o la figura, definendo il ciclo antico Manoscritto Visuale come una protesta silenziosa alla commercializzazione di un oggetto d'arte, ora trasformato in un prodotto semplice. Nel 2007, il ciclo antico chiamato Manoscritto Visuale è presentato per la prima volta a Maison d’Art Today! a Monte Carlo.



Siti tematici

Info

URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico

lunedì - giovedì: 9.00 - 13.00 / 14.00 - 16.00
venerdì: 9.00 - 13.00