Sei in: Parchi < Istituzionale < Procedure

Parchi

» Vai al contenuto


Procedure



ghiandaia(Foto di Roberto Repossini - PLIS del Roccolo)

 

 

Il PLIS è un istituto che viene previsto e regolato dallo strumento urbanistico comunale, trova infatti la propria previsione fondante negli atti del PGT:

·        il Documento di Piano, che dovrà contenere tutti gli elementi necessari per l’individuazione del PLIS:

-   perimetro;
-   descrizione delle caratteristiche e delle emergenze naturalistiche, paesaggistiche e/o storico culturali dell’area del parco;
-   dimostrazione dell’interesse sovracomunale quali la rilevanza strategica al fine di una ricucitura della frammentazione del territorio, la presenza di particolari emergenze, la creazione di corridoi ecologici di connessione del sistema delle aree protette, nonché una proposta di massima degli interventi da realizzare nel parco.
·        il Piano delle Regole, che dovrà normare l’uso delle aree incluse nel perimetro del PLIS.
·        il Piano dei Servizi, che dovrà disciplinare l’uso delle aree a verde e i corridoi ecologici ricadenti nel perimetro del parco locale e le relative modalità di intervento.
 
Nei PLIS possono essere incluse le seguenti aree:
a)      le aree destinate all’agricoltura;
b)      le aree di valore paesaggistico-ambientale ed ecologiche;
c)      le aree non soggette a trasformazione urbanistica;
d)      le aree a verde, anche destinate alla fruizione pubblica, e i corridoi ecologici del piano dei servizi.
Non possono essere riconosciuti PLIS in aree a valenza esclusivamente comunale come i parchi cittadini, o aree che abbiano destinazione funzionale diversa da quella agricola, di tutela ambientale o di servizi per il verde pubblico di livello sovralocale.

Icona documento 'Formato PDF' DGR 12/12/2007 n. 8/6148