» Salta alla navigazione
» Salta alla navigazione istituzionale
» Salta alla sezione 'PrimoPiano'
» Salta alla sezione 'Argomenti'
» Salta alla sezione 'Contatti'
» Salta alla sezione 'Argomenti Correlati'
» Salta alla sezione 'Spazio Banner'
Sei in: Pianificazione Territoriale < Consumo di suolo

Area Programmazione territoriale

Settore Pianificazione e programmazione delle infrastrutture

» Vai alla home page di Area Programmazione territoriale » Torna alla homepage


 

CONSUMO DI SUOLO


Cos'è il consumo di suolo


In generale il “Consumo di suolo” (*)  può essere definito come quel processo antropico che prevede la progressiva trasformazione di superfici naturali o agricole.
Il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP) limiterà fortemente l’espansione urbana e promuoverà progetti di elevata qualità e d’interesse pubblico.

(*) per consumo di suolo si intende la riduzione di superficie agricola per effetto di interventi di impermeabilizzazione, urbanizzazione ed edificazione non connessi all’attività agricola [cit. Disegno di legge quadro in materia di valorizzazione delle aree agricole di contenimento del consumo del suolo, art.2, Consiglio dei Ministri n.54 del 16 novembre 2012]

 

Come si misura il Consumo di suolo

Il Consumo della copertura di suolo “consumption of land Cover” relativo all'espansione urbana può essere misurato direttamente attraverso il Mosaico Informatizzato degli Strumenti Urbanistici Comunali (MISURC) e  mediante la banca dati DUSAF (Destinazione d’Uso dei Suoli Agricoli e Forestali).
La Direzione Centrale Pianificazione e Assetto del Territorio della Provincia di Milano ha costruito dal 1999 uno strumento di analisi e monitoraggio dell’uso del suolo e della pianificazione territoriale, il MISURC, che sintetizza attraverso una legenda unificata gli strumenti urbanistici comunali.
Dal 2001 Regione Lombardia ha avviato il monitoraggio dell’uso del suolo attraverso la banca dati DUSAF, che, mediante immagini satellitari, soggette a revisioni continue, fornisce la fotografia dello stato di fatto del territorio.
Le immagini satellitari, ovviamente, non fotografano le previsioni di nuove espansioni contenute all’interno degli strumenti urbanistici, ma indicano soltanto la variazione di uso del suolo, comprendendo anche, ad esempio, la trasformazione da area libera ad area agricola o boscata.

 

Perché è importante mettere in relazione due sistemi di misura come Misurc e Dusaf

Dal confronto dei dati Misurc e Dusaf si arriva a un’informazione completa, in cui le immagini satellitari sono unite alla programmazione territoriale.
Si pensi, ad esempio, alle aree da bonificare, che risultano libere, ma sono di fatto inaccessibili o pericolose. “Trasformare” il territorio, quindi, significa anche attuare interventi migliorativi, che ne accrescano la fruibilità.
In questo modo è possibile definire regole chiare e univoche, che consentono, poi, di monitorare e misurare le trasformazioni del suolo ed eventualmente attuare le giuste misure correttive.

 

Analisi del suolo


Secondo i dati 2009 forniti dalle carte DUSAF, le aree antropizzate (cioè, consumate) occupano il 39,76% (62.620 ha) del territorio provinciale (157.504,148 ha).
La Provincia di Milano, utilizzando i dati (luglio 2012) elaborati dal Misurc, dai PGT e dal PTCP, ha calcolato che l’urbanizzato è pari al 37,8% (59.556 ha).

 

 
 
 

Settore Pianificazione e Programmazione delle Infrastrutture Viabilità e trasporti Parchi Parco agricolo SUD Milano

Città Metropolitana di Milano | Settore Pianificazione e Programmazione delle Infrastrutture
P.IVA 08911820960 | PEC: protocollo@pec.provincia.milano.it