» Salta alla navigazione
» Salta alla navigazione istituzionale
» Salta alla sezione 'PrimoPiano'
» Salta alla sezione 'Argomenti'
» Salta alla sezione 'Contatti'
» Salta alla sezione 'Argomenti Correlati'
» Salta alla sezione 'Spazio Banner'
Sei in: Pianificazione Territoriale < Sit < Dati e standard

Area Programmazione territoriale

Settore Pianificazione e programmazione delle infrastrutture

» Vai alla home page di Area Programmazione territoriale » Torna alla homepage


 

SIT


Dati e standard


Strumenti utilizzati

Il SIT gestisce una grande quantità di dati, prevalentemente informatizzati, principalmente di natura geografica e relativi a tematiche territoriali. La metodologia scelta è quella di utilizzare database relazionali e strumenti GIS.

  • L'utilizzo di database relazionali permette di collegare i vari archivi, purché opportunamente progettati, e di effettuare interrogazioni ed elaborazioni congiunte. Tipicamente i dati vengono suddivisi in tabelle omogenee da collegarsi successivamente per mezzo di un codice comune.
  • L'impiego di strumenti GIS permette di gestire l'informazione geografica, estendendo le possibilità di interrogazione ed elaborazione ad aspetti spaziali (localizzazione di punti, percorso di linee e superficie di poligoni). Tipicamente, i dati geografici vengono suddivisi in strati omogenei, che possono essere utilizzati contemporaneamente.

Scala nominale

La scala nominale è la scala di acquisizione del dato, che ne definisce la tolleranza geometrica; i dati del SIT hanno generalmente scala nominale 1:10.000.

Georeferenziazione

L'utilizzo di un sistema di coordinate standard permette il corretto posizionamento reciproco degli oggetti, anche tra strati differenti. Il sistema di coordinate scelto è quello nazionale Gauss-Boaga.

Affidabilità dei dati

Può essere espressa ad esempio tramite percentuali di correttezza rispetto alla realtà ed è valutabile tramite controlli o collaudi.

Dati vettoriali e dati raster 

  • dati raster: l'informazione geografica viene fornita dando una griglia di opportune dimensioni in cui possono essere colorati i vari "quadratini". Il disegno dell'oggetto avviene "annerendo" gli opportuni quadratini;
  • dati vettoriali: l'informazione geografica viene fornita dando delle forme geometriche elementari con le coordinate dei loro vertici. Il software GIS provvede, partendo della coordinante, a disegnare l'oggetto.

 

 Esempio di dati raster (CTR 1994) e vettoriali (stessa CTR vettorializzata)

Sintesi degli standard adottati

I parametri e i formati utilizzati dal SIT sono stati scelti in accordo con i criteri adottati dalla Regione Lombardia, per facilitare lo scambio di informazioni.

  • base cartografica di riferimento: CTR 1994 Regione Lombardia, nel formato raster e vector (CT10)
  • Sistema di riferimento: Gauss-Boaga
  • Scala nominale: 1:10.000 (tolleranza di 2 - 5 m)
  • Formati file: GIS per la parte geografica e database relazionale per la parte alfanumerica

 

 
 
 

Settore Pianificazione e Programmazione delle Infrastrutture Viabilità e trasporti Parchi Parco agricolo SUD Milano

Città Metropolitana di Milano | Settore Pianificazione e Programmazione delle Infrastrutture
P.IVA 08911820960 | PEC: protocollo@pec.cittametropolitana.mi.it