Città Metropolitana di Milano Città metropolitana di Milano
Primo piano
Cerca

Cerca nel sito

 

Il bike sharing nell'area metropolitana

Città metropolitana, insieme al Comune di Milano ed agli operatori di settore, promuove l'unificazione su tutta l'area metropolitana del servizio di bike sharing free floating (biciclette a noleggio senza parcheggio fisso). E' il primo servizio di trasporto pubblico omogeneo in tutto il territorio della Grande Milano: un vantaggio per i cittadini, che potranno spostarsi con lo stesso sistema tra diversi punti nevralgici di ciascun comune, come stazioni, scuole o servizi, senza interruzioni nè disagi legati al cambio di amministrazione.

Grazie ad un accordo operativo tra gli Enti ed alla sottoscrizione di un protocollo condiviso con i Comuni interessati, nel corso del 2018 verranno diffuse in tutti i comuni aderenti dell'area metropolitana 12 mila biciclette, tra cui alcune a pedalata assistita, con il doppio logo di Comune di Milano e Città metropolitana, senza costi a carico dei singoli Comuni.

I gestori verranno individuati attraverso bandi a cadenza mensile; le flotte saranno composte da un minimo di 1000 fino ad un massimo di 3000 biciclette, per garantire la pluralità nella gestione del servizio. Oltre alla fornitura dei mezzi, i gestori ne garantiranno la tracciabilità ed il recupero in caso di parcheggio inopportuno. A loro carico anche la realizzazione di servizi a favore della ciclabilità, in collaborazione con Città metropolitana, come la posa di rastrelliere di parcheggio, le attività di comunicazione, le segnalazioni al cittadino.
Nell'ambito dell'accordo, anche la possibilità per i gestori già attivi nel comune di Milano di estendere il servizio oltre i confini della città, senza ampliare la flotta.

 


Per saperne di più

» Accordo operativo
.pdf, 47 Kb

» Comunicato stampa, 1 dicembre 2017
Bike sharing: lunedì a Palazzo Isimbardi l'incontro degli 80 Comuni aderenti

» Comunicato stampa, 15 novembre 2017
Bike sharing: la rivoluzione della mobilità dolce sbarca in 60 comuni della Città metropolitana

 
indietro