» Vai al contenuto


Sei in: Home < Novità < Comunicati stampa

Istruzione ed Edilizia Scolastica


Contatti



Comunicati stampa

«’69 - ’80. Gli anni dell’odio», Massimiliano Antonini si è aggiudicato la quarta edizione del concorso sugli anni di piombo.
Alla presenza dell’assessore Lazzati e del vice prefetto Cirelli, premiato il disegno del giovane studente del liceo artistico di Brera selezionato da una giuria di giornalisti presieduta da Mario Calabresi

Massimiliano Antonini è il vincitore assoluto della quarta edizione del concorso rivolto alle classi quarte e quinte delle scuole superiori del milanese sul tema «’69-’80 Gli anni dell’odio. Riflessioni sulla violenza nelle manifestazioni pubbliche a partire dagli anni di piombo».

L’assessore all’Istruzione e all’edilizia scolastica, Marina Lazzati, ha premiato lo studente del Liceo artistico di Brera con una borsa di studio del valore di 2.000 euro. Il suo disegno è stato scelto da una giuria di giornalisti presieduta, come sempre, dal direttore del quotidiano La Stampa, Mario Calabresi e composta, per l’occasione da Maurizio Lucchi (Ansa), Ines Maggiolini (Rai), Lorenzo Mottola (Libero quotidiano), Angelo Maria Perrino (affaritaliani.it).

Alla cerimonia di premiazione hanno partecipato il vice Prefetto, Cristiana Cirelli e il commissario capo del Commissariato di Polizia centro, Carmine Mele, esperto di ordine pubblico che ha illustrato ai ragazzi quali sono le regole per l’organizzazione di una manifestazione. Mario Calabresi ha mandato una lettera agli studenti che è stata letta dall’assessore Marina Lazzati.

Gli altri cinque vincitori sono stati: per la sezione letteraria, a pari merito, Melania Selmo (500 euro) e Daniele Radaelli (500 euro) dell’«Istituto tecnico economico tecnologico Maggiolini» di Parabiago; per la sezione grafico multimediale, Federica Passerini dell’«Istituto canossiano Melzi» di Legnano con il video “Anni dell’odio” (500 euro), Elena Volpi, del Liceo artistico di Brera, con un ritratto di un uomo rinchiuso in carcere (500 euro) e Valeria Caprini con Xhensila Pegini e Desirè Gianesella, dell’«Istituto tecnico economico tecnologico Maggiolini» con il sito internet “Una stella di piombo” (1.000 euro).

«Il tema affrontato quest’anno, la violenza nelle manifestazioni pubbliche, è di grande attualità – ha dichiarato il presidente della Provincia di Milano, Guido Podestà -.

Il rispetto delle regole e di tutti gli altri cittadini che manifestano idee diverse o che non condividono nessuna delle iniziative di protesta, sono e restano il sale della democrazia che consente a noi di poter dire ciò che si pensa e anche quello che non si condivide.

Mi auguro che la nuova Città metropolitana sappia cogliere con positività anche questa importante eredità che gli lasciamo».

"L'obiettivo di questo concorso è far comprendere ai giovani delle scuole superiori della Provincia di Milano che in un paese dove vige la democrazia esprimere le proprie opinioni è un diritto di ogni cittadino che va, comunque, esercitato nel rispetto delle regole - dichiara l'assessore all'Istruzione ed Edilizia scolastica, Marina Lazzati -. E questo vale anche per i ragazzi quando scendono in manifestazione, perché è bene che sappiano quali sono le norme da seguire per poter esercitare il loro diritto di parola senza arrivare a scontri con le forze dell'ordine. Ai ragazzi ricordo che la violenza chiama sempre violenza e che il dialogo è la formula vincente per trovare delle soluzioni condivise. Come in questi anni è sempre avvenuto con gli studenti che hanno chiesto di potermi incontrare".

 


« indietro