Sei in: Home » Schede artisti » Alma Rosè

Talenti Extravaganti

» Passa direttamente al contenuto della pagina

» Torna alla home page di 'Talenti Extravaganti' 
» Vai alla home page della Provincia di Milano
» Vai al sito del 'Centro Come'
» Vai al sito 'Cooperativa farsi prossimo'
 

| altro

Alma Rosè

Teatro


Paese di provenienza:
Argentina
 


Riferimenti:
Via Tadino, 18
20124 Milano - Italy
Tel: 02 36577560
Cell: 347 1515199
» invia una mail
» invia una mail
» visita il sito


Biografia

La Compagnia nasce nel 1997, anno in cui si aggiudica il Premio Eti Scenario con il progetto “Alma Rosé”, uno spettacolo che continua ancora adesso a essere replicato in Italia grazie al continuo interesse di enti ed associazioni che organizzano rassegne intorno al tema della Memoria. Il continuo impegno produttivo e le collaborazioni artistiche intraprese nel corso degli anni portano la compagnia alla realizzazione di diversi spettacoli, fra i quali: nel 2000, in coproduzione con Quelli di Grock, “Ghiaccio”; nel 2005 “Coma”, con la regia di Gigi Gherzi; nel 2006 “Mapu Terra”, con la collaborazione di Angelo Miotto, giornalista di Radio Popolare. Nel 2002 organizza e promuove l’iniziativa “Il giro della Città”, un progetto di diffusione, presso luoghi teatrali e non, dello spettacolo sulla crisi argentina del 2001 “Gente come uno”. “Il giro della Città”, al momento alla sua terza edizione, ha contribuito al consolidamento dei rapporti fra la compagnia ed i luoghi della città operanti in settori sociali e culturali (come ad esempio CTM Altromercato); allo stesso modo ha permesso la realizzazione di un’attività teatrale che diventa ulteriore promozione sociale e culturale del tessuto urbano. Oltre alla produzione, la compagnia svolge attività formativa e laboratori nelle scuole. La Compagnia è diretta da Annabella Di Costanzo, Manuel Ferreira e Elena Lolli.

 

Attività attuale

Gli spettacoli attualmente in distribuzione sono: Gente come Uno, Piccola Sorella e Barbablù, Alma Rosé, C’era un’orchestra ad Auschwitz, Mapu Terra, Fabricas e Rosso.

Marzo-Luglio 2010 “Il Giro della città”, progetto di diffusione sul territorio metropolitano degli spettacoli in luoghi non teatrali. Da questa iniziativa, che si trova attualmente alla sua sesta edizione e vede la partecipazione di diverse realtà che operano nel sociale, nella cultura, nel lavoro, si sviluppa un rapporto sempre più stretto con la città e il territorio e una nuova spiccata vocazione per un teatro che si pone come promotore culturale e sociale del tessuto urbano.
Aprile- maggio 2010 seconda edizione de “Il Giro della Città a Firenze”, un progetto realizzato dalla compagnia in stretta collaborazione con il Master di organizzazione di eventi di Palazzo Spinelli, saranno gli stessi studenti a farsi promotori e organizzatori degli spettacoli e degli incontri nel capoluogo toscano.
La finalità, in ogni luogo dove è proposto il giro (sono in via di definizione ulteriori progetti in altre aree geografiche), è di creare un viaggio nella città, dove confrontarsi con pubblici diversi, e allo stesso tempo tessere un filo sia tra gli spettatori, che potranno seguire gli spettacoli in posti differenti vivendo esperienze sempre uniche, che tra le diverse realtà che aderiscono al progetto ospitando lo spettacolo e che sono legate da un interesse comune, quello della  partecipazione civile.
Luglio 2010: debutto della nuova produzione: il Canto per la Città
In un mosaico di canto,video, recitazione e musica dal vivo il “Canto per la Città” è un tributo a due grandi città, Milano e Buenos Aires, due culture messe a confronto. Partendo dall’esperienza del “Giro della Città”, in Italia  e in Argentina, la Compagnia propone il ritratto di due metropoli, utilizzando il teatro come chiave di lettura del presente. 
 

 

Documentazione

www.almarose.it

Foto
Alma Rosé Alma Rosé Alma Rosé Alma Rosé

 

Produzioni

 “Alma Rosé”
spettacolo vincitore del premio ETI/Scenario 1997
di CLAUDIO TOMATI, con ANNABELLA DI COSTANZO e ELENA LOLLI
musiche originali e strumenti MAURO BUTTAFAVA
coordinamento registico MAURO MAGGIONI
produzione 1997
“Ghiaccio”
con ANNABELLA DI COSTANZO e ELENA LOLLI
testo GIANLUIGI GHERZI
scrittura scenica SUSANNA BACCARI, ANNABELLA DI COSTANZO, GIANLUIGI GHERZI, CLAUDIO INTROPIDO, ELENA LOLLI
regista assistente/ movimento SUSANNA BACCARI
disegno luci e scenografia CLAUDIO INTROPIDO
costumi e oggetti MARINA PELFINI
regia GIANLUIGI GHERZI
produzione 1999
“C’era un’orchestra ad Auschwitz”
tratto dal libro di FANIA FENELON "Ad Auschwitz c'era un'orchestra"
con ANNABELLA DI COSTANZO, ELENA LOLLI
produzione 1999
“Gente Come Uno”
Regia ELENA LOLLI
Con MANUEL FERREIRA
Luci ANDREA VIOLATO
Fotografie BRUNA ORLANDI tratte dalla mostra "QUE SE VAJAN TODOS"
produzione 2002
“Piccola Sorella e Barbablù”
di ELENA LOLLI
con MANUEL FERREIRA, ELENA LOLLI
Luci LAURA SEVERINI
Costumi MARA GULLO, MARINA PELFINI
Oggetti di scena ELENA SALA, MONIA GIANNOBILE
Realizzazione scene Coop. Soc. e.s.t.i.a.-scenotecnica CARCERE DI BOLLATE
Collaborazione artistica GIGI GHERZI
Regia ELENA LOLLI
produzione 2005
“Mapu Terra”
un progetto di Annabella Di Costanzo  Manuel Ferreira Elena Lolli Angelo Miotto
con Annabella Di Costanzo e Manuel Ferreira,
Inchiesta giornalistica Angelo Miotto
Musiche Mauro Buttafava
Luci Laura Severini
regia Elena Lolli
produzione 2007 
 “Fabricas”
Un viaggio tra due continenti, l’Italia e l’Argentina, per raccontare storie di uomini che sognano fabbriche, dagli operai argentini che riorganizzano il lavoro delle fabbriche svuotate, ai nuovi disoccupati usciti dalle fabbriche svuotate di casa nostra e emigrate altrove.
Produzione 2008
“Rosso”
Con ANNABELLA DI COSTANZO, MAURO BUTTAFAVA
Musiche MAURO BUTTAFAVA
Scenografia musicale MAURO BUTTAFAVA, MARIKA COSENZA
Movimenti scenici VALENTINA SORDO
Costumi e oggetti di scena SARA MEZZANZANICA,  ELEONORA ROSSI
Luci MARCO D'AMICO
Testo e Regia ELENA LOLLI
Produzione 2009
 "Canto per la città"
In un mosaico di canto,video, recitazione e musica dal vivo il “Canto per la Città” è un tributo a due grandi città, Milano e Buenos Aires, due culture messe a confronto.
Partendo dall’esperienza del “Giro della Città”, in Italia  e in Argentina, la Compagnia propone il ritratto di due metropoli, utilizzando il teatro come chiave di lettura del presente. 
In produzione