Sei in: Home » Schede artisti » Baba Diarra

Talenti Extravaganti

» Passa direttamente al contenuto della pagina

» Torna alla home page di 'Talenti Extravaganti' 
» Vai alla home page della Provincia di Milano
» Vai al sito del 'Centro Come'
» Vai al sito 'Cooperativa farsi prossimo'
 

| altro

Baba Diarra

Baba Diarra

Musica


Paese di provenienza:
Burkina Faso


Riferimenti:
Via Don Minzoni, 14
Vimodrone (MI) - Italy
Tel: 02 2504381
Cell: 3347310859 
Cell: 338 3079296
» invia una mail 
» invia una mail
» visita il sito


Biografia

Karamoko Diarra, detto Baba Diarra, nasce da una famiglia di griot d’origine boaba in Burkina Faso, si forma musicalmente suonando il doun doun a fianco degli zii, dal 2004 č membro del gruppo PARISSI guidato dal Harouna Dembelč (noto percussionista degli Yeleenban d’Abidjan). Collabora con diversi gruppi in Italia, associazioni,conduce corsi, stages e progetti interculturali nelle scuole. In Italia dal 2006.

 

Attivitā attuale

Docente di percussioni africane, docente progetti interculturali nelle scuole, suona con gruppi musicali afro in Italia (Anyewa Mandeng e Yiriba) e in Africa con i Parissi.
Membro del gruppo afro italiano di ricerca musicale Metrobrousse.
 

 

Esperienze

In Africa ha collaborato con diversi gruppi musicali della sua cittā affermandosi tra i primi posti delle Settimane Nazionali Culturali. Ha suonato con il gruppo LANDAYA del noto percussionista Ousmane Dembelč. Ora collabora con i PARISSI con il quale č  previsto nel 2009 una seconda tournče in Europa.Con i METROBROUSSE č iniziata un’ interessante attivitā di ricerca musicale che intende affiancare i ritmi e melodie mandeng di balafon  e ngoni ad alcuni canti della tradizione rurale di tutta Italia rielaborati in chiave contemporanea.

 

Produzioni

Con il gruppo Parissi fondato da Harouna Dembele ha inciso un primo cd LANDA. Sta lavorando al 2° cd.
Con gli Anyewa Mandeng partecipa a festivals e rassegne musicali in Italia ed allo spettacolo PETROLIO ideato dal M° Daniele Abbado a Reggio Emilia nel novembre 2007 in memoria di Ken Saro-Wiwa, premio nobel per la pace.