Sei in: Home » Schede artisti » Manuel Ferreira

Talenti Extravaganti

» Passa direttamente al contenuto della pagina

» Torna alla home page di 'Talenti Extravaganti' 
» Vai alla home page della Provincia di Milano
» Vai al sito del 'Centro Come'
» Vai al sito 'Cooperativa farsi prossimo'
 

| altro

Manuel Ferreira

Manuel Ferreira

Teatro


Paese di provenienza:
Argentina
Data di nascita:
1964

Riferimenti:
Via Tadino, 18
20124 Milano - Italy
Tel: 02 36577560
Cell: 347 1515199
» invia una mail
» invia una mail
» visita il sito

 


Biografia

Carmen e Castor, emigrati dalla Spagna, anzi dalla Galizia, a Buenos Aires mettono al mondo Manuel Ferreira l’8 dicembre 1964. Manuel ha una sorella, Maria, sposata con Coqui, un nipote fantastico, Santiago, una grande famiglia, ed è felicemente innamorato di Annabella da 14 anni, che le ha dato la gioia più grande: suo figlio Leon.
Disorientato sul suo futuro, si iscrive all’Università di Economia e Commercio nel 1986, e gli si prospetta una brillante carriera nel settore del Marketing Research. Ma contrariando il mandato paterno, frequenta contemporaneamente anche l’Accademia d’Arte Drammatica di Alejandra Boero. Nel 1989 si laurea in Economia e Commercio e si diploma nello stesso momento come attore e decide in quel momento di dedicarsi esclusivamente alla attività teatrale. Inizia a lavorare con diversi registi a Buenos Aires, ma nel 1991 litiga con il suo gruppo teatrale e parte per realizzare il sogno del “viaggio in Europa”.Viaggia per un anno da solo per l’ Europa, e tra inter rail e ostelli della gioventù, studia i bandi di concorsi europei e vince una borsa di studio che lo porterà a Milano come uditore del Piccolo Teatro nel 1992. A Milano fa incontri fortunati e intensi, con registi e attori, come Marco Baliani (con cui fa Peer Gynt e altre cose), Marco Paolini (che assiste come può, anche come amico, e da cui impara molto, in spettacoli come Aprile 74 e 75), Franco Quadri che aiuta nella traduzione del testo di Copi “Cachafaz”, in Italia “Tango Barbaro”, Thierry Salmon, da cui riceve una indimenticabile lezione sulla disponibilità al lavoro con gli altri. E poi, Marco Martinelli ed Ermanna Montanari, che, nonostante li frequenti solo in un paio di loro seminari, diventano un punto di riferimento per il suo lavoro, e cosi Renata Molinari, e i “Grock”, sempre presenti e generosi. Balla il tip tap, con il maestro Franco Pannizzut e il suo caro amico Giovanni Lampugnani. Impara il tango abbracciato alla sua maestra Marina Fur. Fa tanto teatro ragazzi, con il Teatro Invito (I promessi sposi di Beppe Rosso, ecc), La Baracca di Bologna. Prima che finisca il secolo, nel 1999, si ferma ed entra in crisi “mistica”, sul senso del suo fare l’attore, ed è quasi sul punto di cambiare rotta, magari anche lui come tanti altri colleghi con la fantastica idea di aprire un agriturismo o fare qualcos’altro. Ma l’incontro e l’unione con Alma Rosé nel 2000, cambia profondamente le sue motivazioni e ritrova la forte necessità di realizzare propri spettacoli. “Gente come uno”, uno spettacolo che lo segnerà per sempre. “C.O.M.A.”, con Gigi Gherzi, e “ Piccola Sorella e Barbablù” di Elena Lolli.
Seguono “Mapu Terra” e “Fabricas”, spettacolo-concerto con il quale Manuel vince il Premio Milano per il Teatro 2009” come miglior interprete maschile. Oggi per fortuna crede fortemente in quello che fa, e questo almeno per ora, lo rende soddisfatto e felice.
 
 

 

Documentazione

Foto
Manuel Ferreira - Gente come uno  Manuel Ferreira    

 

Produzioni

 “Alma Rosé”
spettacolo vincitore del premio ETI/Scenario 1997
di CLAUDIO TOMATI, con ANNABELLA DI COSTANZO e ELENA LOLLI
musiche originali e strumenti MAURO BUTTAFAVA
coordinamento registico MAURO MAGGIONI
produzione 1997
“Ghiaccio”
con ANNABELLA DI COSTANZO e ELENA LOLLI
testo GIANLUIGI GHERZI
scrittura scenica SUSANNA BACCARI, ANNABELLA DI COSTANZO, GIANLUIGI GHERZI, CLAUDIO INTROPIDO, ELENA LOLLI
regista assistente/ movimento SUSANNA BACCARI
disegno luci e scenografia CLAUDIO INTROPIDO
costumi e oggetti MARINA PELFINI
regia GIANLUIGI GHERZI
produzione 1999
“C’era un’orchestra ad Auschwitz”
tratto dal libro di FANIA FENELON "Ad Auschwitz c'era un'orchestra"
con ANNABELLA DI COSTANZO, ELENA LOLLI
produzione 1999
“Gente Come Uno”
Regia ELENA LOLLI
Con MANUEL FERREIRA
Luci ANDREA VIOLATO
Fotografie BRUNA ORLANDI tratte dalla mostra "QUE SE VAJAN TODOS"
produzione 2002
“Piccola Sorella e Barbablù”
di ELENA LOLLI
con MANUEL FERREIRA, ELENA LOLLI
Luci LAURA SEVERINI
Costumi MARA GULLO, MARINA PELFINI
Oggetti di scena ELENA SALA, MONIA GIANNOBILE
Realizzazione scene Coop. Soc. e.s.t.i.a.-scenotecnica CARCERE DI BOLLATE
Collaborazione artistica GIGI GHERZI
Regia ELENA LOLLI
produzione 2005
“Mapu Terra”
un progetto di Annabella Di Costanzo  Manuel Ferreira Elena Lolli Angelo Miotto
con Annabella Di Costanzo e Manuel Ferreira,
Inchiesta giornalistica Angelo Miotto
Musiche Mauro Buttafava
Luci Laura Severini
regia Elena Lolli
produzione 2007
 “Fabricas”
Un viaggio tra due continenti, l’Italia e l’Argentina, per raccontare storie di uomini che sognano fabbriche, dagli operai argentini che riorganizzano il lavoro delle fabbriche svuotate, ai nuovi disoccupati usciti dalle fabbriche svuotate di casa nostra e emigrate altrove.
In produzione