Sei in: Home » Schede artisti » Cheikh Tidiane Gaye

Talenti Extravaganti

» Passa direttamente al contenuto della pagina

» Torna alla home page di 'Talenti Extravaganti' 
» Vai alla home page della Provincia di Milano
» Vai al sito del 'Centro Come'
» Vai al sito 'Cooperativa farsi prossimo'
 

| altro
Cheik Tidiane Gaye

Cheikh Tidiane Gaye

Scrittura


Paese di provenienza:
Senegal

Riferimenti:
Via Manzoni, 59 
20043 Arcore  - Italy
Cell: 392 9496727
» invia una mail
» visita il sito


Biografia

Cheikh Tidiane Gaye, poeta e scrittore, nato a Thiès in Senegal, vive e lavora a Milano.
La scrittura è sempre stata la sua passione più o meno segreta, sbocciata in ambiente e lingua italiani con il libro Il giuramento (Liberodiscrivere editore, 2001), seguito da Méry principessa albina (2005), e Il canto del djali (2007), entrambi pubblicati dalle edizioni dell’Arco. Ha ottenuto significativi riconoscimenti letterari ed è presente sulla scena culturale italiana attraverso interventi, letture e performance poetiche che testimoniano una coerente partecipazione alla vita del suo nuovo paese.
Nel 2003 partecipa al concorso “Genova città della poesia europea”, dove viene premiato per l’opera A mio padre Mandela.
Nel marzo dello stesso anno viene invitato a Roma per presentare alcuni scritti durante la manifestazione culturale “Journées de la Francophonie”, organizzata dalle ambasciate dei Paesi francofoni in Italia.
Viene premiato al concorso di poesia “Sulle orme di Ada Negri” a Lodi e riceve una menzione speciale al IX Concorso Internazionale “Trieste Scritture di Frontiera”, il Premio Letterario internazionale dedicato ad Umberto Saba.
Da sempre partecipa a diversi incontri sulle tematiche legate all’Africa, all’integrazione, all’intercultura e alla Letteratura della Migrazione.
Ode nascente  (edizioni dell'Arco, 2009) è la sua quarta pubblicazione.

 

Attività attuale

Consulente Finanziario alla Western Union- Finint- Ethnicity.

Corrispondente in Italia del settimanale senegalese "Le Témoin".

Opinionista presso Telereporter (Trasmissioni sull’Immigrazione).
 

Documentazione

Cheik Tidiane Gaye - Méry, principessa albina Méry, principessa albina
Cheikh Tidiane Gaye
La notte prometteva e le stelle sparivano poco a poco. Il villaggio di Keur Seung si identificava in Méry. Una notte allo stesso tempo limpida e sacra per la forza scatenata della principessa.
Méry, principessa albina è il racconto di quella notte, durante la quale emergono i ricordi di una cultura in cui l'educazione dei ragazzi si basava sul racconto di fiabe e leggende da parte degli anziani, memoria storica collettiva. La saggezza dell'anziano si tramanda ai giovani nella Casa dell'Uomo durante la cerimonia del passaggio all'età adulta e prende corpo in Méry, albina di nascita e vento ertilizzatore della sua terra. Con coraggio e determinazione infallibile, la principessa albina interpella la coscienza africana e si interroga circa il futuro del suo popolo.
 

Esperienze

Freelance presso Echo du Consommateur Senegal.

2000 al 2003

  • Collaboratore della Casa Editrice Liberodiscrivere di Genova.

2003

  • Collaboratore delle Edizioni dell’Arco.

Ha partecipato in Italia a diversi incontri sulle tematiche legate all'Africa, all'integrazione, all'intercultura e alla letteratura della migrazione.

 

Produzioni

Autore:

  • Il Giuramento, Liberodiscrivere, Genova, 2001.
  • Mery, principessa albina, Edizioni dell’Arco, Milano, 2005.
  • Il Canto del Djali, Edizioni dell'Arco, Milano, 2007.
  • Ode nascente/Ode naissante - Pubblicazione bilingue Italiano -Francese, Edizioni dell'Arco, 2009