Sei in: Home » Schede artisti » Mihai Mircea Butcovan

Talenti Extravaganti

» Passa direttamente al contenuto della pagina

» Torna alla home page di 'Talenti Extravaganti' 
» Vai alla home page della Provincia di Milano
» Vai al sito del 'Centro Come'
» Vai al sito 'Cooperativa farsi prossimo'
 

| altro
Mihai Mircea Butcovan

Mihai Mircea Butcovan

Scrittura


Paese di provenienza:
Romania
Data di nascita:
1969

Riferimenti:
Milano - Italy
Cell: 347 5947957 
» invia una mail
» visita il sito
 


Biografia

Mihai Mircea Butcovan è nato nel 1969 a Oradea, in Transilvania, Romania.
In Italia dal 1991, vive a Sesto San Giovanni e lavora a Milano come educatore professionale. Vincitore nel 2003 del premio “Voci e idee migranti”, ha pubblicato il romanzo “Allunaggio di un immigrato innamorato” (Lecce, Besa 2006) e con la raccolta di poesie “Borgo Farfalla” (Eks&Tra 2006) ha vinto, nel 2006, la XII edizione del “Premio Eks&Tra”.
Nel 2009 ha pubblicato (per Linea BN - La Carmelina edizioni) “Dal comunismo al consumismo. Fotosafari poetico esistenziale romeno-italiano”, raccolta di poesie corredate dalle fotografie di Marco Belli (prefazione di Moni Ovadia, postfazione di Andrea Bajani).
Collabora con varie riviste e giornali, tra cui “Internazionale” e “il manifesto”.
Narratore e poeta, i suoi testi sono inseriti in diverse antologie e sono stati pubblicati su varie riviste e giornali.
Con il quartetto d’archi “Time Piece Quartet” ha ideato e scritto “Il canto vegetabile - Il vascello della poesia”, un percorso strumentale e poetico in barca sul fiume Bacchiglione.
Con Marco Belli ha collaborato a “Dor, sospiri di tempo”, progetto poetico-fotografico sulla Romania.
Con Pierfrancesco Adduce, leader dei “Guignol”, ha ideato e scritto “Parole e suoni contro la paura”, reading musicale contro le paure xenofobe dei nostri tempi.
Premio “Multietnicità ed Intercultura 2007”. Premio “Marenostrum 2009”.
Membro del comitato editoriale della rivista “El-Ghibli”.
Membro del comitato direttivo del CeSPI - Centro Studi Problemi Internazionali di Sesto San Giovanni (Mi).

 

Attività attuale

Educatore Professionale nel campo delle tossicodipendenze e dell’interculturalità. Collabora con varie riviste e giornali, tra cui Internazionale e il manifesto.

 

Documentazione

» visita il sito

allunaggio Copertina Allunaggio di un immigrato innamorato – Mihai Mircea Butcovan (Besa editrice 2007)



borgo_farfalla Copertina Borgo Farfalla - Mihai Mircea Butcovan (Eks&Tra 2006)



consumismo_comunismo Copertina Dal comunismo al consumismo. Fotosafari poetico esistenziale romeno-italiano - Mihai Mircea Butcovan, Marco Belli (Linea BN - La Carmelina edizioni 2009)
 


 

 

Esperienze

• Partecipazione a vari convegni, tavole rotonde, incontri pubblici, festival della letteratura, fiere del libro.
• Incontri con gli studenti di varie scuole elementari, medie e superiori.
• Membro del comitato editoriale della rivista “El-Ghibli”.
• Membro del consiglio direttivo del CeSPI – Centro Studi Problemi Internazionali di Sesto San Giovanni (Mi)
• Premio “Voci e Idee Migranti” 2003 (con il manoscritto “Allunaggio di un immigrato innamorato”)
• Premio “Eks&Tra 2006”, XII edizione, con la raccolta “Borgo Farfalla” (San Giovanni in Persiceto, Eks&Tra 2006).
• Premio “Multietnicità ed Intercultura” 2007.
• Premio “Marenostrum” 2009.
 

 

 

Produzioni

1. “Allunaggio di un immigrato innamorato” (Lecce, Besa 2006), romanzo, premio “Voci e Idee Migranti” 2003.
2. “Borgo Farfalla” (San Giovanni in Persiceto, Eks&Tra 2006), raccolta di poesie, Premio Eks&Tra XII edizione 2006.
3. “Dal comunismo al consumismo. Fotosafari poetico esistenziale romeno-italiano” (Ferrara, Linea BN – La Carmelina edizioni 2009), raccolta di poesie, con Marco Belli.
4. “Ipotesi di necrologio”, in “La consulenza psichiatrica nei servizi sociosanitari per pazienti affetti da Hiv e Aids”, Franco Angeli 2002.
5. “Segmenti di mercato”, racconto, in “Sapori, incontri, fragranze”, Trieste, Cacit 2005.
6. “Meeting, Alì Babà, Primavera italiana, Ecatombe, Nato senza la camicia, Al corso di etica, Crociate, Ipotesi di necrologio”, poesie in “Ai confini del verso. Poesia della migrazione in italiano”, Le Lettere 2006
7. “Mikrokosmos barese”, racconto, in “San Nicola. Agiografia immaginaria. Dieci racconti di scrittori migranti”, Bari, La Meridiana 2006.
8. “La trilogia dei Carpazi”, racconto, in “Il carro di pickipò”, Milano, Ediesse 2006.
9. “Di sarmale, involtini, amiche e brassica”, racconto, in “Mondopentola”, Cosmo Iannone 2007.
10. “Caro amico mi scrivo”, racconto, “il manifesto”, dicembre 2008.
11. “In Padania, sognando Mutu”, racconto, in “Il Calendario del Popolo”, n. 64, Teti editore 2008.
12. “In volo sopra la città”, racconto, in “Italia Underground”, Roma, Sandro Teti editore 2009.
13. “La ballata dell’abbonato cerimonioso”, in “La Sinistra Enigmistica”, agosto 2009.
14. “Un mondo che si ama reclama la memoria”, postfazione a “Fedele alla terra” di Dario Arkel, Atì editore 2009.
15. “Non abbiamo attenuanti”, postfazione a “Pornobloc. Rotocalco morboso dalla Romania post post-comunista” di Lorenzo Mazzoni e Marco Belli, Ferrara, Linea BN – la Carmelina edizioni 2009.
16. “Rom, romeni, persone” e “L’isola che c’è” in “L’umanità inesplorata. Rom e sinti in Italia e nel territorio cremonese”, Quaderni del Centro Studi Cremona, nr. 3 settembre 2009
17. Collaborazioni con “Internazionale”, “il manifesto”, “Caposud”, “COME”

 

Note

“Sono nato a Oradea, una città della Transilvania, in Romania. Sono cresciuto tra uomini e libri, boschi e montagne, tra fiumi e laghi, castelli e leggende. Da bambino mi piacevano i libri che finivano di leggere i miei fratelli. Mi piacevano le storie fantastiche. Mi piaceva anche giocare a pallone con gli amici. Ne avevo tanti, molti dei quali ungheresi. Quante cose abbiamo imparato gli uni dagli altri! E poi mi piaceva giocare a palla con la Luna. Ricordo le sere in cui, con la fantasia e col naso all’insù, la facevo rimbalzare sulle cime degli alberi e su qualche nuvola solitaria. E mi chiedevo se qualcuno lassù mi vedesse piccolo come mi sentivo io, oppure grande come sognavo di diventare. Quando sono arrivato in Italia, a vent’anni, con la valigia piena di parole romene, ho cominciato ad aggiungere parole italiane. Quante ce ne stanno ancora! Oggi aiuto persone in difficoltà. Quando c’è tempo faccio anche lo scrittore e, qualche volta, il poeta. A volte le due cose insieme. E racconto storie. Alcune vere, altre di fantasia. Alcune sono storie dei Carpazi, storie di tutti, come la trilogia. Gioco con le parole. Qualche volta gioco ancora a pallone. Ma non ho mai smesso di giocare con la Luna”

* Presentazione nella raccolta di racconti per ragazzi “Il carro di pickipò” (a cura di Paolo Gavagna e Raffaele Taddeo, Roma, Ediesse 2006)