» Vai al contenuto

Sei in: Home >Dettaglio Articolo

Infrastrutture - Viabilità e trasporti - Mobilità ciclabile - Opere pubbliche stradali




 

Dettaglio Articolo

SICUREZZA E AMBIENTE: IL SERVIZIO DI SOCCORSO POST INCIDENTE CHE FA RISPARMIARE SULL’RC AUTO

assessori Giovanni De Nicola e Romano La Russa su mezzi intervento post incidente

Mai più soli in caso di incidente! Sulle strade provinciali d’ora in poi, dopo una collisione, sarà sufficiente contattare il numero verde 800 014 014 per ottenere, entro 10 minuti, l’assistenza di un operatore qualificato che offrirà un supporto nelle operazioni di messa in sicurezza dell’area e fotograferà quanto accaduto attivando, qualora necessaria, la pulizia della strada, il ripristino di guard rail e di altri dispositivi di sicurezza.

L’addetto al servizio, a bordo di una motocicletta o di un furgone attrezzato, fotograferà il sinistro individuando: le auto danneggiate, il numero degli occupanti, i danni preesistenti e gli airbag esplosi. Allerterà, se necessario, le Forze dell’Ordine ed entro un’ora in via telematica tutti i dati saranno in possesso della compagnia assicurativa dell’incidentato. In questo modo sarà testimoniata la reale situazione del sinistro e non sarà possibile commettere reati “inventando” un incidente o aumentando la sua gravità. Saranno 6 le motociclette e 12 i furgoni dislocati in diversi punti del territorio della provincia per correre in soccorso.

Come si fa:
All’atto del rinnovo della polizza assicurativa, una clausola indicherà di chiamare, al verificarsi di un incidente, il numero verde. Ormai la quasi totalità delle compagnie assicurative forniscono questo servizio e i clienti che lo accetteranno godranno di uno sconto del 15% sul costo della polizza RCAuto.
Il servizio post incidente stradale che la Provincia di Milano offre sulle strade di sua competenza ha il fine di contrastare le frodi assicurative con un significativo risparmio sia per il cittadino che per la Provincia.

Dati: Il servizio non comporta alcun costo per l’amministrazione provinciale, né tantomeno per i cittadini essendo coperto dalle assicurazioni interessate all’effetto anti frode del servizio stesso.
Gli incidenti “a tavolino” sono frequenti anche nella Provincia di Milano. Se ne contano almeno 300 ogni anno, architettati al solo fine di riscuotere il rimborso dell’assicurazione. Alcuni esempi: l’auto tamponata ha a bordo il solo conducente ma il colpo di frusta per l’assicurazione viene subito da ad altri 4 passeggeri “inventati”.
Le compagnie di assicurazione hanno versato nell’ultimo anno 6 miliardi di euro solo per risarcire gli automobilisti dal danno alle vetture provocato da incidenti stradali.
Si stima che almeno il 15% di questa cifra sia rappresentata da risarcimenti artatamente “gonfiati”.
Nel territorio della Provincia di Milano circolano oggi 1.978.791 automobili. Se tutti gli automobilisti milanesi aderissero a questa opportunità risparmierebbero 200 milioni di euro.

Anche la Provincia ridurrebbe sensibilmente le sue polizze assicurative: ogni anno infatti l’ente paga 879.000 euro come premio anticipato e una franchigia di 190.000 euro per i danni “da buca”: incidenti causati da buche sulla strada, rami lungo la carreggiata, segnaletica coperta, ghiaia sulla strada.

“L’accordo che la Provincia di Milano stipula oggi con Sicurezza e Ambiente - afferma l’Assessore alle infrastrutture e mobilità Giovanni De Nicola - consentirà di cristallizzare le condizioni e lo stato delle persone e delle auto coinvolte in un sinistro stradale, non lasciando spazio ad interpretazioni.
Favorendo quindi la trasparenza ed il conseguente risparmio sul costo del premio assicurativo.
Contribuirà, inoltre, a combattere l’anomalia tutta italiana delle frodi assicurative che è costata alle compagnie operanti in Italia nel solo anno 2009 ben 14,9 miliardi di euro per rimborsare i sinistri, ossia 343 euro ad assicurato rispetto ai 163 della Francia.”





 
 

Credits