» Vai al contenuto

Sei in: Home >Attività > Sviluppo Rete Stradale > Pianificazione acustica > La fase 1 del Piano di Contenimento

Infrastrutture - Viabilità e trasporti - Mobilità ciclabile - Opere pubbliche stradali




 

La fase 1 del Piano di Contenimento

La Fase 1 del piano ha lo scopo di  individuare le aree, prossime alla rete stradale, dove si stima siano superati i limiti di inquinamento acustico previsti dalla legge.

Il rumore prodotto dalle strade Provinciali è imputabile quasi esclusivamente ai flussi di traffico leggero e pesante transitante sulle strade. Tuttavia esistono altre strade, di altri gestori, che contribuiscono al disturbo presso i ricettori.

L’individuazione delle aree interessate da possibile superamento dei limiti acustici viene effettuata di norma attraverso la modellizzazione con software dedicati, specie laddove l’estensione della rete stradale da indagare esclude la possibilità di effettuare misure strumentali allo scopo.

Tuttavia si è proceduto ad un’attività di monitoraggio circoscritta ad alcune misure fonometriche e ad alcune misure di traffico, utilizzate per la taratura del modello di simulazione acustica e per la integrazione della elevata mole di dati di traffico già a disposizione dell’ente provinciale.

I monitoraggi sono stati effettuati nel periodo compreso tra il settembre e l’ottobre 2006, in particolare 21 misure fonometriche settimanali e 12 giornaliere e 15 misure di traffico settimanali e 15 misure giornaliere. La localizzazione dei punti è visibile in Tavola 1.

Dopo aver realizzato il modello tridimensionale dell’area di studio, aver assegnato le caratteristiche dei veicoli circolanti ed i limiti acustici di riferimento si è quindi effettuata la simulazione acustica, il cui esito è stato rappresentato su tavole che mostrano le aree di superamento stimate, facenti parte della documentazione inviata ai comuni.

Sono state considerate , così come definite dalla norma, aree critiche prioritarie tutte le aree residenziali, ricadenti in fascia A di pertinenza stradale, e tutti i ricettori sensibili (scuole o ospedali), ricedenti in fascia A o B di pertinenza stradale dove si è rilevato o stimato un livello di inquinamento acustico superiore ai limiti consentiti dalla normativa.

 

Risultati


Lo studio ha interessato circa 1090 km di rete stradale provinciale; la Fase 1 del Piano ha individuato circa  879 Aree Critiche Prioritarie e 149 Ricettori Sensibili Prioritari, che interessano 202.000 persone esposte a rumore oltre i limiti, corrispondenti a circa 300 km di rete.
Le criticità individuate interessano sia strade urbane (56%) che strade extraurbane (44%).

Ad ogni Comune sono stata trasmesse, oltre alla tabella contenente i codici delle aree critiche e dei ricettori sensibili stimati, le Tavole con la localizzazione delle criticità sul territorio e una Tavola comunale di sintesi.

In Tavola 2 viene rappresentata la sintesi delle criticità individuate sull’intero territorio provinciale.
 

 
 

Credits