» Vai al contenuto

Sei in: Comunicati <

Comunicati


Cerca comunicati










Comunicati

Share |
3 ottobre 2014
Smog. Rientrata allerta dopo 5 giorni consecutivi di superamento dei valori del Pm10. Stancari: “Non abbassare la guardia sulle politiche ambientali”.


 I valori della media giornaliera di PM10, rilevati nelle 10 centraline di Arpa posizionate nei Comuni della Provincia di Milano, hanno registrato il primo superamento della soglia fissata a 50 microgrammi al metro cubo lo scorso venerdì 26 settembre. Il superamento si è verificato dopo una lunga pausa iniziata la scorsa primavera ed è perdurato per 5 giorni consecutivi. I valori della media del PM10 sono ora rientrati al di sotto della soglia.
“Il fenomeno dell’innalzamento delle concentrazioni delle polveri, secondo gli esperti, non rappresenta nulla di anomalo e nulla di sorprendente,  pur non essendo ancora iniziata la stagione invernale, con l’accensione dei riscaldamenti – ha detto l’Assessore all’Ambiente della Provincia di Milano Cristina Stancari. Nei giorni scorsi infatti  - ha proseguito l’Assessore - si sono verificate le condizioni meteorologiche tipiche dell’autunno nella pianura padana: stabilità, scarsa ventilazione, con fenomeni di inversione termica, soprattutto nelle prime ore del mattino. Con l’instaurarsi delle tipiche condizioni meteo-climatiche stabili si è quindi verificato un progressivo accumulo delle normali emissioni fino al superamento della soglia di 50 microgrammi per metro cubo”.
Con gli ultimi valori della media giornaliera del PM10 al di sopra della soglia, sono stati raggiunti, ad oggi  33 giorni di superamento e siamo orami prossimi al raggiungimento del 35° giorno di superamento imposto dalla Comunità europea.
“Vale la pena sottolineare  - ha aggiunto Stancari -  come i 35 giorni con le concentrazioni di PM10 al di sopra dei 50 microgrammi per metro cubo, che gli scorsi anni venivano raggiunti già nel mese di febbraio  quest’anno, grazie al fortuito perdurare per mesi di condizioni meteo favorevoli alla dispersione delle polveri, assolutamente anomale per la nostra pianura e grazie anche alle politiche ambientali messe in atto, non siano ancora stati raggiunti”.
“Ma questi primi superamenti avvenuti in questi giorni  - ha sottolineato l’Assessore all’Ambiente - devono farci riportare l’attenzione sul tema della qualità dell’aria, facendoci riflettere sulle piccole azioni quotidiane che ognuno di noi può fare per contribuire al contenimento dell’inquinamento e sulle politiche ambientali da adottare anche in vista della nascita della futura Città Metropolitana”.
“La Provincia di Milano – ha concluso Stancari – sta già operando in questo senso, attraverso un programma di efficientamento energetico degli edifici di proprietà dei Comuni che permetterà di riqualificare 136 edifici  pubblici, in prevalenza scuole, con una riduzione delle emissioni stimabile in oltre il 20%. Nel solo Comune di Milano saranno efficientate 38 scuole, di cui ben 15 con caldaie ancora alimentate a gasolio e quindi, in questo caso, sono attese riduzioni delle emissioni ancora maggiori e prossime al 50%”.
 

 


Stampa da PDF


» Indietro