Cerca

Cerca nel sito

Fonti Normative

Città Metropolitana di Milano si pone altresì l'obiettivo di supportare operativamente le imprese nell'azione di richiesta di accesso alla Cassa Integrazione in Deroga in conseguenza dell'emergenza sanitaria COVID19.

A tal fine, in questa sezione vengono richiamati i testi normativi che definiscono e regolano l'istituto della Cassa Integrazione in Deroga.

Si riporta per la consultazione il testo base di riferimento: il decreto legislativo numero 148 del 14 settembre 2015.

Si segnala, nello specifico:

  • l'articolo 1 che indica quali destinatari del trattamento di integrazione salariale, i lavoratori assunti con contratto di lavoro subordinato, escludendo i ruoli dirigenziali e la categoria dei lavoratori a domicilio. I lavoratori devono avere un'anzianità lavorativa di almeno 90 giorni alla data di presentazione della domanda.
  • l'articolo 3, inoltre fissa l'ammontare del trattamento di integrazione salariale nella percentuale dell’80% della retribuzione globale di quanto spettante al lavoratore per le ore di lavoro non prestate.

Ivi si riporta  il testo completo e attualmente vigente (estratto dal sito www.normattiva.it , D.lgs. n.148_2015.pdf).

 

Si riporta altresì il testo del decreto legge numero 18 del 17 marzo del 2020 contenente le Misure di Potenziamento del Servizio Sanitario Nazionale di Sostegno Economico per Famiglie, Lavoratori e Imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19, finanziata con 3.293,2 milioni di euro.

Si segnala l'articolo 22 del testo normativo, introduttivo di  nuove disposizioni relative alla Cassa integrazione in deroga.

Nello specifico, le Regioni sono autorizzate a riconoscere ai datori di lavoro del settore privato, nel caso non siano applicabili altri istituti di tutela, il trattamento di cassa integrazione salariale in deroga, ai lavoratori aventi diritto, per la durata massima di nove settimane, oltre alla capacità di sospendere o ridurre l'orario di lavoro.

Le Regioni, unitamente al decreto di concessione, inviano la lista dei beneficiari all'INPS, che provvede all'erogazione delle predette prestazioni. Le domande sono presentate alle Regione, che le istruiscono secondo l'ordine cronologico di presentazione delle stesse. L'INPS provvede al monitoraggio nel rispetto del limite di spesa. Qualora dal predetto monitoraggio emerga il raggiungimento, anche in via prospettica del limite di spesa, le Regioni non potranno in ogni caso emettere altri provvedimenti concessori.

Si riporta il testo del decreto detto "Cura Italia" (DL_Cura_Italia_20200317_070.pdf).

 

Per completezza d'informazione, alla Regione Lombardia, è stato assegnato il 15,34% delle risorse pari a 198.376.880 euro, le modalità di assegnazione ed il riparto tra le regioni delle risorse destinate dal decreto Cura Italia per la cassa integrazione in deroga e  il parametro utilizzato per il riparto fornito dall' Inps sulla base della stima del numero dei lavoratori non coperti da trattamenti ordinari di integrazione salariale è disponibile nel testo del decreto del Ministero del Lavoro, al seguente link:

 (m_lps.40.Repertorio_Decreti_Div_III_CIG_deroga(R).pdf).

 

Il verbale della sottocommissione di Regione Lombardia che si occupa degli ammortizzatori in deroga offre una sintesi della normativa ed include l'accordo quadro stilato con sindacati, descrive dettagliatamente gli ambiti di applicazione (articolo 1); le condizioni per l'accesso alla cassa integrazione guadagni in deroga (articolo 2); i lavoratori beneficiari (articolo 3); ... modalità di presentazione della domanda (articolo 7);si  segnala che la sigla dall'accordo quadro tra l'impresa e il sindacato non sia richiesta per i datori di lavoro fino a cinque dipendenti. Il testo dell'Accordo Quadro al presente link:

(Accordo Quadro Cassa in deroga COVID19 23 febbraio def.pdf).

 

Documentazione relativa alle modalità di attuazione

Il primo documento operativo di questa raccolta è costituito dal decreto regionale 3803 del 26 marzo 2020, che recepisce l'accordo quadro stipulato con i sindacati:

(Decreto UO 3803 26032020.pdf).

L’allegato 1 scaricabile a questo link riporta il modulo standard di accordo quadro contenente tutte le indicazioni per l'impresa e i lavoratori coinvolti nella richiesta di Cassa Integrazione, il periodo previsto di fruizione e il numero complessivo delle ore in cassa integrazione previste. Consultabile al seguente link:

(Decreto UO 3803 Allegti 1 Accordo Standard).

L’allegato 2 del decreto regionale scaricabile a questo link riporta le modalità applicative relative all'accordo stesso:

(Decreto UO 3803 Allegato 2 Modalità applicative.pdf).

 

"Sblocca Italia" (Decreto-Legge 19 maggio 2020 n. 34)

Il decreto "Sblocca Italia" (Decreto-Legge 19 maggio 2020 n. 34) pubblicato in Gazzetta Ufficiale, apporta importanti modifiche alla normativa (art 70 Decreto-Legge 19 maggio 2020 n. 34) relativa alla cassa integrazione in deroga (articolo 70).

Siti tematici

Info

URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico

  •  Numero Verde: 800.88.33.11
    - dal lunedì al giovedì:
      10.00-12.00 / 14.00-16.00
    - venerdì:
      10.00-12.00
  •  Chiedilo all'Urp
  •  Pec
  •  Peo
  • Apertura al pubblico martedì e giovedì solo su appuntamento da richiedere tramite:
    - form online Chiedilo all'URP
    - Numero Verde: 800.88.33.11