Comunicato stampa

Il Nucleo Ittico Venatorio della Città metropolitana di Milano ha messo in salvo oltre 250 animali selvatici e stilato 1500 verbali

28 Dec 2021 -
Attività in crescita per gli agenti di Palazzo Isimbardi nel 2021, in tutto il territorio dei 133 comuni dell’area metropolitana: l’obiettivo è salvaguardare la fauna autoctona ed accertare eventuali illeciti
 
Oltre 250 animali in difficoltà messi in salvo e un’attività costante di contrasto dei reati ambientali. Continua l’attività di tutela del territorio del Nucleo Ittico Venatorio della Città metropolitana di Milano (NIV), che chiude il 2021 con oltre 250 interventi di recupero di animali in difficoltà e 1500 verbali stilati nell’ambito del controllo dell'attività venatoria e del contrasto dei reati contro gli animali. "Registro con favore gli sforzi che sono stati condotti in questo settore da chi mi ha preceduto e considero il consolidamento e la strutturazione di questo Nucleo essenziali per il mandato commenta Simone Negri, consigliere delegato all'Ambiente e Legalità - L'attenzione al tema cruciale e decisivo della sfida ambientale passa necessariamente dal forte contrasto alle attività illegali, ai reati che spesso coincidono con grossi interessi di organizzazioni criminali e mafiose. Non a caso la delega che il sindaco Sala mi ha voluto conferire tiene insieme le politiche per l'ambiente con l'attenzione per la legalità. In questo ci tengo anche ad enfatizzare una maggiore sensibilità alle specie selvatiche che vivono nei nostri territori. La composizione della fauna, anche con riguardo alle specie alloctone, è da tenere monitorata per gli effetti sull'omeostasi degli ecosistemi naturali e per l'impatto sulla biodiversità, tema che va sollevato sempre più presso la pubblica opinione e che è parte integrale delle sfide ambientali che abbiamo davanti”.

Gli agenti di Palazzo Isimbardi svolgono, su delega regionale, una serie di importanti attività in materia di vigilanza ittico-venatoria, che hanno uno stretto legame con il territorio e con la fauna selvatica presente nei 133 Comuni che compongo l’area metropolitana. Un presidio del territorio costante, effettuato con il supporto delle guardie volontarie, che si concretizza nel contrasto del bracconaggio, nella prevenzione e nell'accertamento di comportamenti illeciti nell'esercizio dell'attività venatoria e di pesca, ma anche attraverso puntuali interventi di assistenza e recupero di animali selvatici in difficoltà. Il Nucleo Ittico Venatorio della Città metropolitana di Milano, infatti, riserva una particolare attenzione alla tutela della fauna selvatica di pregio e/o protetta che popola i suoi territori, con l’obiettivo di tutelarla dai pericoli e preservarla nelle sue peculiarità. Tra le attività coordinate, infatti, figurano anche interventi mirati di ripopolamento e immissione della fauna selvatica ed ittica nei diversi contesti naturalistici, ma anche azioni di monitoraggio e censimento della fauna selvatica e, più in generale, delle attività gestionali ittico-venatorie, senza dimenticare il controllo e, in alcuni casi, il necessario contenimento delle specie invasive.
 
“Nel 2021 abbiamo registrato un sensibile aumento delle attività del Nucleo Ittico Venatorio spiega Raffaella Quitadamo, Direttore del settore rifiuti e bonifiche - I nostri agenti sono in prima linea nel contrasto dei crimini contro l'ambiente e nella salvaguardia della fauna selvatica in difficoltà, oltre a svolgere un fondamentale ruolo di cerniera tra l'associazionismo ambientalista e quello venatorio”. Fondamentale l’innesto di un nuovo ufficiale per potenziare l’attività: “Il recente arrivo del nuovo ufficiale, il Dottor Emanuele Santoro, proveniente dalla Polizia Locale di Novate Milanese, va a completare l’organico del Nucleo e ci permette di essere ancora più incisivi nel dare risposte ai crescenti bisogni che ci arrivano dai territori. Un risultato che stiamo già vedendo - conclude il Direttore - La presenza di animali selvatici nella nostra area metropolitana è un tema sempre più attuale che ci pone davanti a nuove sfide".
 
Cosa fare nel caso ci si imbatta in un animale selvatico ferito o in difficoltà? E' fondamentale mettersi subito in contatto con gli agenti del Nucleo Ittico Venatorio (NIV) al numero 02-77405808, che provvederanno al recupero in sicurezza dell’esemplare e ad affidarlo ad un centro specializzato affinché riceva le cure necessarie. Si sconsigliano azioni individuali: un comportamento sbagliato potrebbe, infatti, compromettere la vita dell'animale o la possibilità che possa ritornare a vivere in libertà, nel suo habitat naturale. La detenzione di animali selvatici è, inoltre, vietata dalla legge 157/92: è importante, quindi, che esemplari in difficoltà siano messi in sicurezza da personale specializzato che possa affidarli a centri accreditati alla loro salvaguardia.
Download come PDF

Info

Ufficio stampa

Servizio Comunicazione 
Via Vivaio 1
20122 Milano

Tel.: 02 7740.6655

» e-mail

 
indietro

Siti tematici

Info

URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico

  •  Numero Verde: 800.88.33.11
    - dal lunedì al giovedì:
      10.00-12.00 / 14.00-16.00
    - venerdì:
      10.00-12.00
  • Chiedilo all'URP 
  •  Pec
  •  Peo
  • Apertura al pubblico martedì e giovedì solo su appuntamento da richiedere tramite:
    - Chiedilo all'URP 
    - Numero Verde: 800.88.33.11