Cerca

Cerca nel sito

Riaprire i Navigli alla navigazione leggera

5 Nov 2020 - L'impegno di Città metropolitana dopo SWARE

SWARE COLLAGE 1


Per Città metropolitana di Milano la conclusione del progetto SWARE è occasione di rilancio di un nuovo modello di sviluppo economico-sociale del territorio, che avrà solide basi su cui contare: la preziosa rete di relazioni e conoscenze costruita a livello locale e nazionale e un importante capitale di relazioni internazionali che può contribuire a realizzare i futuri progetti con esiti ancora più concreti.

Un primo passaggio di testimone di SWARE è avvenuto già nel 2019, quando Città metropolitana si è fatta promotrice ed è diventata capofila del progetto LUIGI finanziato da Interreg Spazio Alpino per un valore di 2,5 milioni di euro. Con i suoi 14 partner italiani ed europei, il progetto ha l’obiettivo di consegnare nel 2022 ai decisori politici delle regioni alpine coinvolte un programma di azioni in grado di migliorare i servizi ecosistemici e le infrastrutture verdi che connettono aree metropolitane e aree urbane con le realtà rurali dell’intero arco alpino. Con la realizzazione di LUIGI Città metropolitana contribuirà allo sviluppo di un’economia sostenibile a favore di ambienti urbani più vivibili.

Città metropolitana continuerà a lavorare affinchè, grazie al suo ruolo di coordinamento e di facilitazione, i progetti di sviluppo abbiano una governance qualificata e partecipata a più livelli da attori chiave capaci di portarli al successo.

Con il progetto di riqualificazione e navigabilità dell’intera rete dei Navigli metropolitani presentato al Piano Nazionale di Recovery, finanziato dal Recovery Fund europeo (Next generation EU), l’ente ha voluto confermare il suo impegno in questa direzione e mettere in campo la sua visione sul futuro di un territorio che tanto deve alla presenza e alla storia delle sue vie d’acqua.
Una visione che tiene conto di diverse necessità, ma che diventerebbero poi opportunità, in quanto la riapertura dei Navigli milanesi e il successivo ripristino della loro navigabilità sull’intera rete metropolitana che si sviluppa per 90  km avrebbero delle enormi ricadute positive sotto molti aspetti.

Un progetto che disegna una trasformazione ambientale di vasta scala per produrre diversi vantaggi in termini di innovazione nella valorizzazione del patrimonio paesaggistico, artistico, architettonico e culturale non solo di Milano, ma dell’intera area metropolitana e della Lombardia.
La strategia futura per generare un indotto produttivo e turistico a basso impatto ambientale sarà quella di accrescere la fruibilità eco-turistica di un territorio ricco di grandi aree verdi, di parchi regionali, di ciclovie e di percorsi storici che caratterizzano Milano e l’area vasta.
La necessità di coniugare arte, cultura e natura favorirà una relazione più equilibrata tra l'area urbana e l'area rurale extra milanese, restituendo un’immagine più gentile della Milano di oggi e contribuirà a contenere l’overtourism che la interessa in alcuni periodi dell’anno.

Non da ultimo va ricordato che nel capitale di relazioni internazionali di Città metropolitana si deve ricomprendere anche la sua partecipazione alla storica associazione METREX che riunisce e fa lavorare insieme Regioni e Città metropolitane di tutta Europa in un reciproco scambio di esperienze e conoscenze sulla pianificazione urbana ed extra-urbana e che gode del supporto della Commissione europea.

 

SCOPRI DI PIÙ:

La Conferenza finale e il dopo SWARE: LINK

Cos'è SWARE: LINK

 



Siti tematici

Info

URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico

  •  Numero Verde: 800.88.33.11
    - dal lunedì al giovedì:
      10.00-12.00 / 14.00-16.00
    - venerdì:
      10.00-12.00
  •  Chiedilo all'Urp
  •  Pec
  •  Peo
  • Apertura al pubblico martedì e giovedì solo su appuntamento da richiedere tramite:
    - form online Chiedilo all'URP
    - Numero Verde: 800.88.33.11