Cerca

Cerca nel sito

Chiesa di San Pietro in Gessate

Piazza San Pietro In Gessate, 12 - 20160 Milano (MI)
Tel: 02 54107424
Fax: 02 54059007

 » English version

Orari di apertura
- Dal 15 settembre al 30 giugno:
  Feriali: ore 7.30-18.00
  Prefestivi: 08.30-12.00 e 16.30-20.00
  Domenica e festivi: 8.30-13.00 e 16.30-20.00
- Dal 1 luglio al 14 settembre
  Feriali: ore 8.00-12.00
  Prefestivi: ore 8.30-12.00 e 17.00-20.00
  Domenica e festivi: ore 8.30-12.00 e 17.00-20.00
Durante il periodo estivo e le festività invernali è consigliabile contattare direttamente la chiesa per verificare gli orari di apertura.
Il luogo non è accessibile a persone con disabilità motorie.

Cenni storici
Posta al fondo di un ampio sagrato alberato, la chiesa di San Pietro in Gessate, bell'esempio di architettura del Quattrocento lombardo, venne eretta tra il 1447 e il 1475 in prossimità di un antico convento del XIII secolo dedicato ai santi Pietro e Paolo. Progetto ed esecuzione vengono generalmente attribuiti a Guiniforte o Pierantonio Solari. Nel 1493 la chiesa divenne abbazia.
Molto danneggiata dalle bombe durante la II Guerra Mondiale, conserva ancora preziose testimonianze della pittura lombarda della fine del XV secolo: le cappelle che affiancano le navate ospitano opere di Agostino De Mottis, figlio d'arte il cui padre, Cristoforo, fu attivo anche nel Duomo di Milano; Donato Montorfano, anch'eglio figlio d'arte il cui nonno-così come il padre e il fratello- furono impiegati nella Fabbrica del Duomo, e soprattutto Bernardino Butinone e Bernardo Zenale, che affrescarono con storie di Sant'Ambrogio la Cappella Grifi, in cui è sepolto il committente Ambrogio Grifi, ritratto con impressionante realismo da Benedetto Briosco.
La facciata è il prodotto di un restauro del 1912 a opera di Diego Brioschi, che ha conservato il portale originario.

Dettagli
architetto:  Pierantonio (not. 1476-m.1493) o Guiniforte Solari (1429-81)
architetto:  Diego Brioschi (not.1912)
periodo storico/artistico:  Facciata neomedievale (portale barocco)

Note
Donato Montorfano è lo sfortunato dirimpettaio di Leonardo nel refettorio di Santa Maria delle Grazie: la sua monumentale Crocifissione fronteggia l'Ultima cena sulla pareta piu prossima all'uscita. La data 1495 e la firma del Montorfano sono ben evidenti su una lapide ai piedi della Maddalena, sotto la Croce.