Cerca

Cerca nel sito

Zone climatiche locali (LCZ)

Le zone climatiche locali (LCZ) sono un concetto introdotto da Stewart e Oke* (I. D. Stewart & Oke, 2012; I. Stewart & Oke, 2011). L'obiettivo principale del sistema LCZ è consentire una selezione standardizzata di siti urbani rispetto alle intensità di Urban Heat Island** (UHI) in relazioni a caratteristiche omogenee in termini di morfologia urbana e materiali urbani. Il sistema è applicabile alla maggior parte delle città ed è destinato a studi di temperatura urbana mediante sensori termici posizionati normalmente a circa 2 metri da terra. Il sistema LCZ classifica il paesaggio urbano-rurale in 17 classi "costruite" e sette di "copertura del suolo", ognuna caratterizzata da una gamma caratteristica di valori per parametri misurabili della superficie, come il fattore di vista del cielo (Sky View Factor), la frazione di superficie impermeabile, l'altezza e la spaziatura dell'edificato, la capacità di assorbimento termico dei materiali, i flussi di calore antropogenico. Il concetto LCZ è stato applicato per determinare i modelli spaziali (composizione e configurazione) delle strutture urbane e rurali rilevanti per l'analisi del clima urbano nelle città e dei loro dintorni in tutto il mondo. LCZ è uno strumento efficace per istruire urbanisti e progettisti urbani sull'impatto della forma e della funzione delle città sulle temperature urbane e sui rischi legati alle ondate di calore. Inoltre, le mappe LCZ possono funzionare come un potenziale strumento di valutazione dello stress termico, nonché come base di partenza per una pianificazione e progettazione a prova di clima. In questo servizio, per la classificazione dell LCZ per il territorio coperto dall’ambito amministrativo della Città Metropolitana di Milano (CMM) sono stati utilizzati 4 indicatori: Buildings Heights, Sky View Factor (SVF), Albedo (or reflectance of urban materials, which mainly depend on color), and Vegetation (classified according to a spectral vegetation index, i.e. the NDVI). La classificazione è stata prodotta in modo automatico applicando algoritmi avanzati di clustering sulla base dei quattro indicatori precedentemente menzionati, e aree campione digitalizzate su immagini ad altissima risoluzione (Google Earth) seguendo i principi teorici stabiliti da Stewart e Oke.

Cliccando qui puoi scoprire, visualizzandole su mappa, le LCZ del tuo territorio.

Cliccando qui è invece possibile selezionare l'area di interesse (Comune o intero territorio di Città metropolitana di Milano) e visualizzare i dati sulle LCZ in formato grafico e tabellare. I grafici permettono di confrontare facilmente i dati relativi all'estensione territoriale delle zone climatiche locali (LCZ) tra comuni o tra zone omogenee, oppure con i dati dell'intero territorio di Città metropolitana di Milano. 

Nella seguente tabella sono elencate le 17 classi LCZ nelle quali è stato classificato il paesaggio urbano-rurale: 

Codice

LCZ

Titolo

Rappresentazione grafica

Descrizione
LCZ A Dense trees  LCZ A Paesaggio densamente forestato con alberi decidui e/o sempreverdi. Copertura del suolo prevalentemente permeabile (piante basse). Zona destinata a foresta naturale, coltivazioni arboree o parco urbano.
LCZ B Scattered trees  LCZ B Paesaggio radamente forestato con alberi decidui e/o sempreverdi. Copertura del suolo prevalentemente permeabile (piante basse). Zona destinata a foresta naturale, coltivazioni arboree o parco urbano.
LCZ C Bush, scrub  LCZ C Disposizione aperta di cespugli, arbusti e alberi bassi e legnosi. Copertura del suolo prevalentemente permeabile (suolo nudo o sabbia). Zona destinata a cespuglieto naturale o agricoltura.
LCZ D Low plants  LCZ D Paesaggio monotono di erba e copertura vegetale erbacea. Alberi pochi o assenti. Zona destinata a prateria naturale, agricoltura o parco urbano.
LCZ E Bare rock or paved  LCZ E Paesaggio monotono di roccia o copertura pavimentata. Alberi pochi o assenti. Area destinata a deserto naturale (roccia) o trasporto urbano.
LCZ F Bare soil or sand  LCZ F Paesaggio monotono di suolo o copertura sabbiosa. Alberi pochi o assenti. Zona destinata a deserto naturale o agricoltura.
LCZ G Water  LCZ G Grandi corpi d'acqua aperti come mari o laghi, o piccoli corpi come fiumi, bacini idrici o lagune.
LCZ1 Compact high-rise  LCZ 1 Denso complesso di edifici alti decine di piani. Alberi pochi o assenti. Suolo prevalentemente pavimentato. Materiali di costruzione costituiti da cemento, acciaio, pietra e vetro.
LCZ2 Compact mid-rise  LCZ 2 Denso complesso di edifici di media taglia (3-9 piani). Alberi pochi o assenti. Suolo prevalentemente pavimentato. Materiali di costruzione costituiti da pietra, mattoni, tegole e cemento.
LCZ3 Compact low-rise  LCZ 3 Denso complesso di bassi edifici (1-3 piani), Alberi pochi o assenti. Suolo prevalentemente pavimentato. Materiali di costruzione costituiti da pietra, mattoni, tegole e cemento.
LCZ4 Open high-rise  LCZ 4 Disposizione aperta di edifici alti decine di piani. Abbondanza di copertura del suolo permeabile (piante basse, alberi sparsi). Materiali di costruzione costituiti da cemento, acciaio, pietra e vetro.
LCZ5 Open mid-rise  LCZ 5 Disposizione aperta di edifici di media altezza. Abbondanza di copertura del suolo permeabile (piante basse, alberi sparsi). Materiali di costruzione costituiti da cemento, acciaio, pietra e vetro.
LCZ6 Open low-rise  LCZ 6 Disposizione aperta di bassi edifici (1-3 piani). Abbondanza di copertura del suolo permeabile (piante basse, alberi sparsi). Materiali di costruzione costituiti da pietra, mattoni, tegole e cemento.
LCZ7 Lightweight  LCZ 7 Denso complesso di edifici di un solo piano. Alberi pochi o assenti. Copertura del suolo compatta. Materiali di costruzione leggeri (ad es. legno, paglia, lamiera ondulata).
LCZ8 Large low-rise  LCZ 8 Disposizione aperta di bassi edifici (1-3 piani). Alberi pochi o assenti. Suolo prevalentemente pavimentato. Materiali di costruzione costituiti da acciaio, cemento, metallo e pietra.
LCZ9 Sparse low-rise  LCZ 9 Disposizione sparsa di edifici piccoli o di media taglia in un ambiente naturale. Abbondanza di copertura del suolo permeabile (piante basse, alberi sparsi).
LCZ10 Heavy industry  LCZ 10 Strutture industriali di bassa o media altezza (torri, serbatoi, ciminiere). Alberi pochi o assenti. Suolo prevalentemente pavimentato o caratterizzato da copertura compatta. Materiali di costruzione costituiti da metallo, acciaio, e cemento.

Bibliografia:

*Stewart, I. D., & Oke, T. R. (2012). Local climate zones for urban temperature studies. Bulletin of the American Meteorological Society, 93(12), 1879–1900. https://doi.org/10.1175/BAMS-D-11-00019.1

**Stewart, I., & Oke, T. (2011). Local Climate Zones: Origins, development, and application to urban heat islands. Annual Meeting of the American Association of Geogrpahers, 1–16.

 

CariploMattonella I servizi sono stati realizzati nell'ambito del progetto "Verso paesaggi del lavorare e dell'abitare a prova di clima" finanziato con il contributo di Fondazione Cariplo

Siti tematici

Info

URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico

  •  Numero Verde: 800.88.33.11
    - dal lunedì al giovedì:
      10.00-12.00 / 14.00-16.00
    - venerdì:
      10.00-12.00
  •  Chiedilo all'Urp
  •  Pec
  •  Peo
  • Apertura al pubblico martedì e giovedì solo su appuntamento da richiedere tramite:
    - form online Chiedilo all'URP
    - Numero Verde: 800.88.33.11