Cerca

Cerca nel sito

Corsi di formazione attivi

Qualità e organizzazione dei servizi

#cc66ff Percorso filmico di psicoeducazione: La “pecora nera” e il “tiraggio corda"
Il discorso filmico, grazie alle immagini e ai suoni, assume in sé un andamento rievocativo simile al funzionamento della nostra memoria. Lo spettatore attraverso l’identificazione e la proiezione entra nel racconto cinematografico, assorbendo atteggiamenti e sentimenti dei personaggi del film ma, contemporaneamente, arricchendoli delle sue reazioni emotive. Allo stesso modo il paziente può utilizzare immagini e storie per trovare sostegno e motivazione per conoscersi meglio, per individuare propri comportamenti disfunzionali, per osservare ruoli simili a quelli vissuti personalmente e per interiorizzare stimoli visivi connessi alla sua esperienza o al percorso di cambiamento che dovrà attuare.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
17/01/2020

#cc66ff “Derive e Approdi. La tratta di esseri umani: strategia europea, politiche nazionali e sistema di intervento regionale”
Negli ultimi anni la tratta di esseri umani ha assunto le caratteristiche di un fenomeno sempre più complesso, caratterizzato da un’alta capacità di trasformazione e adattamento alle azioni di prevenzione, contrasto e tutela delle vittime. Il contesto globale della migrazione e i corrispondenti flussi economico-sociali hanno costituito terreno fertile per la realizzazione di nuove forme di vera e propria schiavitù, grazie anche a una domanda e ad un’offerta praticamente inesauribili.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
03/02/2020

#cc66ff INPS, Centri per l’Impiego e Comuni di Città Metropolitana di Milano di fronte alla sfida della gestione integrata del Reddito di Cittadinanza
Con l'entrata in vigore del decreto sul reddito di cittadinanza i comuni si trovano a dovere ripensare e rivedere il sistema faticosamente implementato per la gestione delle funzioni e delle competenza connesse al ReI. Il decreto infatti rivede le competenze degli attori istituzionali, mettendo in risalto il protagonismo dei centri per l'impiego. D’altro canto sono fondamentali le competenze dei comuni nei confronti di un ampia categoria di beneficiari, né vengono “sprecate” le competenze acquisite in materia di valutazione e di progettazione. Il corso intende fornire agli operatori sociali una lettura armonizzata del decreto, ricostruendo un quadro della misura reddito di cittadinanza con il contributo dei soggetti istituzionali coinvolti.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
18/06/2019

#cc66ff La creatività delle fiabe per riscoprire le nostre infinite possibilità
Oggi più che mai c’è bisogno di un linguaggio nuovo e autentico che arrivi dritto al cuore delle persone, c’è bisogno di «vedere» sempre una soluzione anche laddove sembra impossibile trovarla. Il saper cogliere anche il «più debole potenziale nascosto» è una condizione fondamentale per far emergere e valorizzare le qualità delle persone e saper gestire con leggerezza anche situazioni difficili e complicate generando in tal modo cambiamenti concreti e duraturi. L’ascolto delle Fiabe Millenarie è generatore di creatività. Questo è un laboratorio dove sperimentare un approccio innovativo e creativo per generare idee e riscoprire le nostre infinite possibilità.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
17/06/2019

#cc66ff Linguaggi di genere; linguaggio de-genere. Segni assediati del femminile nelle relazioni e nelle comunicazioni delle società digitali.
I saperi della cura, le pratiche educative, le professioni dell’assistenza; ma anche le scienze umane, i costrutti giuridici e più in generale le discipline che si propongono di intervenire a favore degli individui e delle comunità si stanno dibattendo in una evidentissima crisi di senso. Vi è come la produzione di una frattura tra l’accadere vivente e ciò che su di esso di dice, si scrive, si fa. Se il linguaggio è il principio stesso della costruzione di sé in relazione agli altri nel mondo, se esso è cioè generativo, è anche vero che il linguaggio può degenerare producendo slittamenti semantici senza aver l’aria di farlo, col risultato inatteso che le sintassi e le parole ad un certo punto significano tutt’altro e disegnano di conseguenza un tutt’altro mondo. Ciò sta avvenendo negli attuali sistemi sociali sempre più caratterizzati dalla comunicazione digitale. Tali slittamenti vanno ad incidere prepotentemente nelle distinzioni di genere: femminile e maschile vanno ormai confondendosi tra loro non perchè superati da una forma creativa che oltrepassa gli stereotipi delle partizioni di genere, ma piuttosto perché attratti in un regime indifferenziato di comunicazione dispotica che sembra pretendere una uniformità senza qualità. La creatività linguistica è così depotenziata e sempre più ignorata in nome di una formale ‘parità di genere’. Il laboratorio transdisciplinare ‘Linguaggi di genere; linguaggio de-genere’ pone con radicalità la questione della significazione nelle società contemporanee, tematizzando prioritariamente le modificazioni riferibili alle connotazioni di genere e ai funzionamenti femminili/maschili dei linguaggi (il linguaggio della cura, il linguaggio del web, il linguaggio dei corpi, il linguaggio del comando, il linguaggio dell’arte, e via dicendo), andando in particolare a tematizzare le forme del linguaggio senza genere.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
29/07/2019

Quadri intermedi e di coordinamento

#0099ff Il coordinatore: dalla gestione del presente ad allenatore di futuro.
Ai coordinatori, ai responsabili di struttura, viene chiesto sempre di più di raggiungere obiettivi sfidanti, di motivare i gruppi di lavoro, di dimostrare il proprio differenziale competitivo accettando le sfide di un’organizzazione fin troppo burocratica, mentre la cultura professionale acquisita negli anni scorsi spesso non ci è più di alcun aiuto. Per affrontare questi scenari complessi e progettare il futuro occorre saper guardare con occhi nuovi, pensare l’impossibile, agire in maniera diversa. La sfida passa anche attraverso queste abilità.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
07/10/2019

Famiglia, minori, giovani

#33cc66 Percorso di formazione per tutori volontari per minori stranieri non accompagnati - SETTEMBRE 2019 -
La legge 7 aprile 2017, n. 47 “Disposizioni in materia di protezione dei minori stranieri non accompagnati” e in particolare l’articolo 11 (Elenco dei tutori volontari) prevede tra le azioni fondamentale in capo all’Autorità Garante, delle diverse regioni, la selezione e la formazione di tutori volontari per i minori stranieri non accompagnati.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
28/08/2019

#33cc66 Le dinamiche conflittuali nelle nuove famiglie: quali implicazioni nella crescita dei minori, quali interventi possibili?
Le famiglie oggi vedono assetti relazionali sempre più complessi e soprattutto differenti da nucleo a nucleo. Si è persa la quotidianità di una condivisione di comunicazioni verbali ed affettive. Messaggi e WhatsApp hanno sostitutivo spesso il dialogo fra genitori e soprattutto fra questi ed i figli. In questa riduzione di comunicazione, sempre più complesse risultano le dinamiche attivate dalle separazioni ed all’interno delle famiglie allargate. Le micro-conflittualità, favorite da queste capillari, sintetiche e poco affettive comunicazioni, diventano oggetto di complesse tensioni che impediscono l'analisi dei meccanismi psicologici sottostanti e, soprattutto, la comprensione degli affetti che sottendono la sofferenza di tutto il nucleo. Solo una valutazione attenta, ed una presa in carico più strutturata del sistema, permettono l'evoluzione di situazioni cristallizzate su rivendicazioni sterili e non evolutive, a copertura di difficoltà relazionali e di comunicazione affettiva.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
23/10/2019

#33cc66 Percorso di formazione per tutori volontari per minori stranieri non accompagnati - OTTOBRE 2019 -
La legge 7 aprile 2017, n. 47 “Disposizioni in materia di protezione dei minori stranieri non accompagnati” e in particolare l’articolo 11 (Elenco dei tutori volontari) prevede tra le azioni fondamentale in capo all’Autorità Garante, delle diverse regioni, la selezione e la formazione di tutori volontari per i minori stranieri non accompagnati.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
13/10/2019

#33cc66 Percorso di formazione per tutori volontari per minori stranieri non accompagnati - NOVEMBRE 2019 -
La legge 7 aprile 2017, n. 47 “Disposizioni in materia di protezione dei minori stranieri non accompagnati” e in particolare l’articolo 11 (Elenco dei tutori volontari) prevede tra le azioni fondamentale in capo all’Autorità Garante, delle diverse regioni, la selezione e la formazione di tutori volontari per i minori stranieri non accompagnati.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
30/10/2019

#33cc66 Percorso di formazione per tutori volontari per minori stranieri non accompagnati - GRUPPO BRESCIA 2019 -
La legge 7 aprile 2017, n. 47 “Disposizioni in materia di protezione dei minori stranieri non accompagnati” e in particolare l’articolo 11 (Elenco dei tutori volontari) prevede tra le azioni fondamentale in capo all’Autorità Garante, delle diverse regioni, la selezione e la formazione di tutori volontari per i minori stranieri non accompagnati.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
30/10/2019

#33cc66 Il colloquio valorizzante come strategia di accompagnamento alla vita adulta per i Care Leavers
Uno dei problemi principali nel lavoro con i giovani che lasciano un ambito protetto dopo il compimento della maggiore età, è il cambio della percezione di ruolo di questi ultimi nei confronti degli operatori. Il desiderio di autonomia e di indipendenza, tipici di questa fase dell’età evolutiva,insieme al vincolo amministrativo di scioglimento della tutela formale, cambiano l’equazione dei rapporti. Al fine di realizzare le condizioni per un supporto alla vita adulta che funga da ponte tra i contesti di protezione e la realtà esterna, è richiesto dunque agli operatori un approccio diverso, meno asimmetrico, più “vicino” e allo stesso tempo rispettoso del fatto che le persone cui si riferiscono non sono più solamente i loro “utenti”. L’approccio qui proposto è ispirato da relazioni tipiche del coaching, in cui non vi è alcuna prescrizione, al contrario, un’affermazione della persona e un invito a raccogliere sfide e cambiamenti nella vita. La prospettiva specifica sarà quella dell’appreciative inquiry, in cui attraverso tecniche di intervista e di colloquio “valorizzante” si crea uno spazio condiviso tra coach e coachee. Qui i due collaborano per disegnare ipotesi e scenari futuri sviluppando strategie concrete e costruendo azioni di supporto. Per lungo tempo ci si è soffermati sul problem solving, usando spesso tattiche e strategie proprie di quest’approccio che ha, come conseguenza, il risultato di rendere tutto un problema. Secondo la modalità proposta invece ci si concentra sugli aspetti positivi delle situazioni, si impara a guardare la parte sana e potenziale di ogni evento o relazione e si lavora sui punti di forza dell’individuo. Il corso verterà a sviluppare negli operatori una condizione di autenticità, sincerità e congruenza che costituiscono le basi per una relazione sana e onestamente incoraggiante dei coachee.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
16/12/2019

#33cc66 L’aumento degli agiti violenti nei bambini e negli adulti: quali le relazioni con un impoverimento linguistico?
L’impoverimento lessicale, a vantaggio di un vocabolario più ridotto e idiografico che caratterizza la cultura digitale, sembrerebbe limitare l’accesso ad un vocabolario emotivo con il rischio di potenziare la messa in atto di agiti aggressivi. Il presente corso si prefigge come obiettivo quello di approfondire limiti e risorse connessi al momento linguistico specifico, oltre che i possibili risvolti emozionali ed affettivi nella crescita dell’individuo. In particolare, il focus sarà quello di indagare la relazione tra lo sviluppo del linguaggio e vari fattori, quali il problem solving sociale, la capacità di controllo degli impulsi, le competenze emotive ed empatiche. In sintesi ci si auspica che, attraverso le diverse giornate proposte, gli operatori acquisiscano elementi clinici e strumenti di base al fine di definire interventi mirati e funzionali in ambito socio-sanitario ed educativo.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
20/01/2020

#33cc66 Dalla tua parte. La voce del minore nella tutela e nella curatela speciale.
La famiglia è uno dei contesti socio-relazionali a maggiore “densità comunicativa”. Negli ultimi anni ha subito importanti processi di trasformazione, evoluzione e cambiamento che interessano sia le dinamiche interne che i ruoli dei professionisti della cura. Agli operatori, infatti, viene richiesta una maggiore attenzione e sensibilità ai processi di costruzione della relazioni, in particolare nei casi in cui i bambini sono vittime di esperienze sfavorevoli. A partire dall’esperienza clinica, psicogiuridica e didattica maturata dai relatori l’evento proporrà una riflessione su come modulare l’ascolto nell’ambito della tutela minorile, armonizzando gli interventi degli operatori con il lavoro del curatore speciale. Un incarico che richiede competenze eclettiche, una sensibilità umana spiccata e una capacità «speciale» nel dar voce alla storia del minore, mediandone la relazione con il tribunale.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
22/10/2019

#33cc66 La prevenzione e il contrasto dei fenomeni di bullismo e cyberbullismo nel lavoro sociale ed educativo
La gestione dei fenomeni di bullismo e cyberbullismo coinvolge sempre di più le nostre comunità e richiede agli operatori sociali ed educativi l’attivazione di strategie di prevenzione e contrasto. A fronte di quest’emergenza, per attivare percorsi di prevenzione e contrasto è necessario comprendere il fenomeno nella sua globalità, mettendo in luce quali sono le differenze tra episodi di violenza ed episodi di bullismo cyberbullismo.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
30/08/2019

#33cc66 L’educazione finanziaria: un valido aiuto nel lavoro con i giovani
Il corso si inserisce nel progetto finanziato dalla Commissione Europea “Stand By Me REC–RCH–PROF–AG–2017–785708”, di cui la Città Metropolitana di Milano è capofila. Oggi più che mai c’è bisogno di supporto ai giovani per approcciarsi correttamente alla gestione finanziaria dei propri bisogni e delle proprie necessità. Sviluppare una valida educazione finanziaria è di fondamentale importanza per portare i ragazzi a raggiungere una piena autonomia ed inserirsi nel mondo del lavoro. Il corso si sviluppa in tre incontri destinati ai professionisti che quotidianamente si trovano a stretto contatto con i giovani che vivono il momento delicato di transizione alla vita adulta. L’obiettivo principale è quello di fornire le competenze di base e i principali strumenti di educazione finanziaria da trasmettere ai ragazzi al fine di orientarli verso una maggiore autonomia economico-finanziaria, svolgendo una riflessione sulla rappresentazione e significato dato al “benessere finanziario” e al “risparmio” secondo i giovani.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
30/09/2019

#33cc66 DiTu. Diritti da tutelare
L’evento rientra nelle azioni del progetto “DiTu. Diritti da tutelare” finanziato dal Ministero dell'Interno a valere sul Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014-2020 (FAMI). Il progetto vuole promuovere l’integrazione dei minori stranieri non accompagnati presenti sul territorio della Regione Lombardia, in particolare rafforzando la figura del tutore volontario, ruolo chiave per garantire la promozione e la difesa dei loro diritti. La legge 7 aprile 2017, n. 47 “Disposizioni in materia di protezione dei minori stranieri non accompagnati” e in particolare l’articolo 11 (Elenco dei tutori volontari) ha previsto, tra le azioni in capo al Garante regionale per l’infanzia e l’adolescenza, la selezione e la formazione dei tutori volontari per i minori stranieri non accompagnati. Nell’alveo di questa competenza si sviluppano le azioni del Progetto DiTu e la collaborazione tra il Garante per l'infanzia e l'adolescenza della Regione Lombardia e la Città metropolitana di Milano. Città Metropolitana di Milano è sostenuta nella realizzazione delle azioni da un partenariato composto dalla Camera Minorile di Milano, dalla cooperativa sociale Terrenuove e da Codici.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
01/04/2019

#33cc66 Coppie trasnazionali e sottrazione internazionale di minori: la mediazione tra prassi giudiziarie, esperienze italiane ed europee.
Leggere le trasformazioni sociali ampliando lo sguardo all’evoluzione dei legami familiari, a quelle che vengono identificate come “famiglie trasnazionali”, ci porta in un campo estremamente dinamico che pone di fronte alla necessità di riflettere sulle possibilità di risolvere i conflitti nascenti dalla disgregazione delle unioni trasnazionali attraverso strumenti diversi da quelli giudiziari e volti al raggiungimento di accordi tra le parti. Il convegno svolgerà una riflessione, con l’aiuto ed il confronto con le esperienze straniere, sulla possibilità di prevenire e gestire i casi di sottrazione internazionale dei minori attraverso lo strumento della mediazione cross border.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
19/06/2019

#33cc66 Percorso di formazione per tutori volontari per minori stranieri non accompagnati - MARZO 2019 -
La legge 7 aprile 2017, n. 47 “Disposizioni in materia di protezione dei minori stranieri non accompagnati” e in particolare l’articolo 11 (Elenco dei tutori volontari) prevede tra le azioni fondamentale in capo all’Autorità Garante, delle diverse regioni, la selezione e la formazione di tutori volontari per i minori stranieri non accompagnati.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
20/02/2019

#33cc66 La mediazione come approccio per affrontare i conflitti nelle famiglie nazionali e transnazionali: tra prassi giudiziarie ed esperienze italiane ed europee
Negli ultimi anni l’attenzione scientifica per le comunità transnazionali è cresciuta in modo esponenziale. Tuttavia, la letteratura corrente si limita spesso a descrivere le nuove formazioni socio-economiche, ponendo l’attenzione solo ai percorsi di integrazioni del singolo, della persona. Leggere le trasformazioni sociali ampliando l’analisi verso l’evoluzione dei legami familiari, in relazione alle “famiglie transnazionali”, pone la necessità di riflettere anche sulle reciproche influenze tra processi migratori, disuguaglianze di genere e gerarchie parentali, analizzando la necessaria rimodulazione degli stili di lavoro dei servizi dedicati alla famiglia e ai minori e degli interventi giudiziari. Queste due giornate formative sono volte all’approfondimento del tema della separazione e dell’interruzione della convivenza, con una attenzione specifica alla posizione dei figli nella scomposizione delle famiglie transazionali, in relazione alle prassi giudiziarie ed alle esperienze italiane ed europee.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
28/02/2019

#33cc66 Vulnerabilità, inclusione, digitale: chiudere il triangolo
Il percorso formativo di tre giornate “Vulnerabilità, inclusione e digitale: chiudere il triangolo” fa seguito al BOOTCAMP “Vulnerabilità, inclusione, digitale: scambio di pratiche per chiudere il triangolo” tenutosi il 17 gennaio 2019. Il digitale ha cambiato il nostro modo di apprendere, informarci, lavorare, comunicare e creare relazioni. In un contesto urbano in continua trasformazione anche le forme di vulnerabilità e esclusione sociale sono cambiate: solitudine, invecchiamento, isolamento, difficoltà di conciliazione vita e lavoro sono solo alcuni dei problemi in continua evoluzione. Città metropolitana di Milano, attraverso questo percorso formativo, vuole mettere in evidenza le buone pratiche di inclusione sociale che utilizzano il digitale come fattore critico di successo o che ne neutralizzano le derive negative.
Scheda del corso e iscrizione on line


Scadenza iscrizione:
04/02/2019

Siti tematici

Info

URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico

  •  Numero Verde: 800.88.33.11
    - dal lunedì al giovedì:
      10.00-12.00 / 14.00-16.00
    - venerdì:
      10.00-12.00
  •  Chiedilo all'Urp
  •  Pec
  •  Peo
  • apertura al Pubblico
    - dal lunedì al giovedì:
      9.00 - 13.00 / 14.00 - 16.00
    - venerdì:
      9.00 - 13.00