Cerca

Cerca nel sito

Banner

Attività di servizi per edifici e paesaggio


Torna al sommario < >                                                                                  Visualizza i dati aggiornati del settore


[81] Questa divisione include la fornitura di servizi integrati di assistenza da effettuarsi presso le strutture del cliente.  La divisione include anche la pulizia di interni ed esterni di edifici di tutti i tipi, … servizi di tutela del paesaggio, cura e manutenzione del paesaggio, incluse le eventuali realizzazioni e manutenzione delle opere connesse.

Questo settore, nel contesto del modello economico milanese, si declina principalmente in tutte quelle attività che vengono svolte a supporto del funzionamento degli uffici del terziario; includendo dalla pulizia generale di interni, alla piccola manutenzione ordinaria degli edifici, i servizi di portineria e sorveglianza, lo smistamento della posta, i servizi di reception e similari. 

Gran parte di queste attività necessitano di un alto impiego di manodopera, non sorprende quindi che, nell’area metropolitana, questo sia uno dei primi settori per numero di lavoratori avviati (7,3%).  In termini assoluti nel 2019, 27.236 lavoratori hanno avuto almeno una occasione di occupazione nel settore, numero sceso a 21.393 nel 2020 (-21,5%).  Le imprese operanti nel settore, in rapporto al numero degli avviamenti generati, appaino numericamente limitate con un indice di concentrazione piuttosto elevato 93,3% (2.689 nel 2019 e 2.631 nel 2020 con un calo del -2,2%).

Richiamando la Figura 15, presentata in precedenza, si nota come il settore, etichettato come “pulizia”, prende posizione verso sinistra poiché ha fatto registrare un consistente riduzione del numero di avviamenti (39.887 nel 2019 e 29.364 nel 2020 con un calo del -26,4%), ma non perde quota sull’asse verticale poiché il numero dei datori di lavoro è rimasto quasi stabile.

L’elemento di maggior interesse riguardo a questo settore è costituito dalla analisi della distribuzione temporale degli avviamenti nel corso dell’anno 2020, poiché la richiesta di personale si discosta nettamente dall’andamento complessivo.

Questo settore produttivo non appare beneficiare della ripresa delle attività dopo il primo lockdown nella stessa misura del resto del mercato del lavoro, ulteriormente, nei mesi di settembre ed ottobre il numero degli avviamenti nelle “pulizie”, contrariamente al complesso del mercato del lavoro che appariva ripartire, è rimasto stabile segno che il perdurare, sul lungo periodo, del ricorso allo smart working negli uffici possa essere un rischio il futuro di questo comparto produttivo.

Figura 29

Figura 29

 

Ultimo aggiornamento: 05 July 2021
Data creazione: 06 May 2021