Cerca

Cerca nel sito

Promuovere la cultura delle Pari Opportunità

Finalità

Promuovere l’idea di benessere collettivo attraverso un welfare delle relazioni significa interrogarsi su quale possa essere il contributo specifico che si può dare all’idea e alla pratica dello sviluppo di un modello orientato alla coesione e allo sviluppo economico e sociale di una comunità, e alle pari opportunità come garanzia di sostenibilità del patto di cittadinanza. 

Lo sviluppo dei nuovi assetti di governo delle Città metropolitane ha imposto un’accelerazione nel ridisegnare competenze e funzioni delle istituzioni coinvolte, affinché le politiche di welfare, gestite su una dimensione sovra locale, contribuiscano concretamente allo sviluppo dei territori.

In questo scorcio di secolo, segnato anche dalla pandemia, è innegabile che il digitale abbia cambiato il nostro modo di apprendere, informarci, lavorare, comunicare e creare relazioni ma anche di generare disuguaglianza di opportunità nell’accesso alla conoscenza in un contesto metropolitano in cui anche le forme di vulnerabilità e esclusione sociale stanno cambiando.

La questione pari opportunità apre ad una pluralità di piani e di contrasti, che ben si manifestano nelle forme espressive e comunicative che di volta in volta supportano politiche e interventi di "protezione" dei soggetti più vulnerabili e di "promozione" di opportunità, creative, professionali di realizzazione personale, dove le differenze (di genere, etniche, culturali…) diventano una cifra di valore positivo, per contribuire a generare una società più inclusiva e capace di scambiare conoscenza.

Nell’ambito delle misure proposte da Regione Lombardia, in materia di conciliazione vita lavoro, Città metropolitana partecipa alla cabina di regia promossa da ATS metropolitana insieme alle organizzazioni sindacali e datoriali, nonché ai più rappresentativi stakeholder del territorio.

La Città metropolitana di Milano è uno dei soggetti portanti delle reti conciliazione, nel rispetto delle funzioni previste dallo Statuto, approvato con Deliberazione del Consiglio Metropolitano.

Con le attività progettuali si integrano le azioni di formazione intervento specificatamente dedicate al tema, annualmente viene promosso un laboratorio dedicato e questo anno abbiamo avviato insieme a MEET un percorso di approfondimento sul tema digitale e pari opportunità.

Il digitale, inteso, non come mero apprendimento di tecnicalità, ma come leva di social innovation, può offrirci una pista per ripensare la cultura di genere e le pari opportunità tra donne e uomini, contribuendo alla promozione della democrazia paritaria nella vita sociale, economica e culturale.

 

Azioni

  • Percorso laboratoriale transdisciplinare di formazione partecipata 

Il laboratorio transdisciplinare ‘Linguaggi di genere; linguaggio de-genere’ pone con radicalità la questione della significazione nelle società contemporanee, tematizzando prioritariamente le modificazioni riferibili alle connotazioni di genere e ai funzionamenti femminili/maschili dei linguaggi (il linguaggio della cura, il linguaggio del web, il linguaggio dei corpi, il linguaggio del comando, il linguaggio dell’arte, e via dicendo), andando in particolare a tematizzare le forme del linguaggio senza genere.

Leggi il programma del corso: "Linguaggi di genere; linguaggio de-genere. Segni assediati del femminile nelle relazioni e nelle comunicazioni delle società digitali".

Visualizza il Video del laboratorio "Linguaggi di genere" - interviene Arianna Censi, Vice Sindaca della Città metropolitana di Milano

 

 

Approfondimenti:

  

  •  ENGAGE - ENhancing Generative Approaches for the Gender Equality 

Apre il testo completo dell'iniziativa Percorso di progettazione partecipativa o "Charrette", che mira ad esplorare l’impatto digitale (reale e potenziale) sulle pari opportunità, organizzato da Città Metropolitana di Milano e MEET, in collaborazione con l’Institute without Boundaries (IwB) e il supporto della Commissione Europea.

La charrette si concentra su tre temi di particolare criticità: accesso ai servizi e alle infrastrutture, educazione e il mondo del lavoro, con l’obiettivo di approfondirli insieme a un team di persone che per diversità, competenze e motivazione riesca dare una lettura multidisciplinare al problema e a convergere su prospettive e soluzioni comuni.

L’esito e i risultati della charrette saranno presentati pubblicamente e resi disponibili per sostenere le attività dei policy maker.

Leggi il testo completo dell'iniziativa.

Siti tematici

Info

URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico

  •  Numero Verde: 800.88.33.11
    - dal lunedì al giovedì:
      10.00-12.00 / 14.00-16.00
    - venerdì:
      10.00-12.00
  •  Chiedilo all'Urp
  •  Pec
  •  Peo
  • Apertura al pubblico martedì e giovedì solo su appuntamento da richiedere tramite:
    - form online Chiedilo all'URP
    - Numero Verde: 800.88.33.11