Archivio FAQ

FAQ LIQUIDAZIONI BANDO DOTE IMPRESA 2023-2024

chiuso al 31/03/2024

 

D1  Come viene calcolata la percentuale del 70% prevista dal bando ai fini del riconoscimento del rimborso dell’indennità di tirocinio?

La percentuale del 70% viene calcolata sulla base dei giorni di presenza previsti dal progetto formativo.

D2  Se un tirocinio si interrompe in anticipo rispetto alla data iniziale prevista dalla COB e riportata nel progetto formativo, il 70% delle presenze previsto dal Bando per il rimborso viene calcolato sul periodo stabilito inizialmente oppure sul periodo di tirocinio effettivamente svolto?

Se un tirocinio si interrompe in anticipo rispetto alla data prevista dalla COB, il  70% delle presenze viene calcolato sul periodo stabilito inizialmente come riportato nel progetto formativo, ad eccezione di eventuali periodi di malattia certificata che dovessero occorrere al termine del periodo di tirocinio e determinare una cessazione anticipata. 

D3  Cosa può comprendere il rimborso previsto per l'attivazione di tirocini?

Il rimborso copre la quota dell'indennità corrisposta al/alla tirocinante e le spese sostenute per assicurazione, formazione e sorveglianza sanitaria previste per legge, fermo restando il massimale di 3.000 euro. 

D4  I costi di formazione, sorveglianza sanitaria e assicurazione, come devono essere rendicontati?

I costi di formazione, sorveglianza sanitaria e assicurazione sono riconosciuti a costi reali. 

D5  Per l'indennità di tirocinio è riconosciuto un valore massimo mensile?

No, l'importante è rispettare il massimale di € 3.000, indipendentemente dal riconoscimento mensile. 

D6  In merito al rimborso per l’attivazione di tirocini, le spese sostenute per i corsi sulla sicurezza sono riconosciuti?

L'avviso prevede che siano ammissibili i costi sostenuti per la formazione prevista per legge. Il corso sulla sicurezza base è sempre ammissibile, quello sulla sicurezza specifica è ammissibile qualora trattasi di corso obbligatorio in relazione alla mansione svolta. In tal caso è necessario allegare, oltre ai giustificativi di spesa, una dichiarazione, resa ai sensi degli artt. 46-47 del D.P.R. 445/2000, firmata digitalmente, che attesti la tipologia del corso e l'obbligatorietà dello stesso in funzione della mansione del/della lavoratore/lavoratrice.

Per ottenere il rimborso è necessario caricare sul portale SINTESI, unitamente alla domanda di liquidazione e agli altri documenti previsti dal Manuale di Gestione, copia dei giustificativi comprovanti le spese sostenute quali fatture quietanziate, bonifici bancari con esito eseguito/accreditato/concluso e/o estratti conto.

Tutti i giustificativi di spesa  dovranno essere chiaramente riconducibili al tirocinio per il quale si richiede il rimborso; le fatture, in particolare, dovranno riportare la descrizione del corso, il nominativo del/della tirocinante, la data e il periodo di tirocinio.

I giustificativi sprovvisti di tali specifiche non potranno essere accettati e sarà pertanto necessario dichiararli ai sensi degli artt. 46-47 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445. 

Scarica da questa pagina il modulo di dichiarazione spese formazione sorveglianza sanitaria

D7  In merito al rimborso previsto per l’attivazione di tirocini, le visite mediche effettuate per la sorveglianza sanitaria previste per legge sono rimborsabili?

Il Bando prevede che siano rimborsabili le spese sostenute per la sorveglianza sanitaria. Per ottenere il rimborso è necessario caricare sul portale SINTESI, unitamente alla domanda di liquidazione e agli altri documenti previsti dal Manuale di Gestione, copia dei giustificativi di spesa comprovanti le spese sostenute quali fatture quietanziate e copia bonifici bancari con esito eseguito/accreditato e/o estratti conto.

Tutti i giustificativi di spesa dovranno essere chiaramente riconducibili al tirocinio per il quale si richiede il rimborso; le fatture, in particolare, dovranno riportare la descrizione del servizio medico erogato, il nominativo del/della tirocinante, la data e il periodo di tirocinio.

I giustificativi sprovvisti di tali dati non potranno essere accettati e sarà pertanto necessario dichiararli ai sensi degli artt. 46-47 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445.

D8 I giorni di chiusura aziendale possono essere esclusi dal calcolo del 70% delle presenze previsto dal Bando per il rimborso per l’attivazione di tirocini?

Sì, i giorni di chiusura aziendale, non previsti nel Progetto Formativo, possono essere esclusi dal conteggio del 70% delle presenze. A tal fine il soggetto richiedente il contributo dovrà caricare sul portale SINTESI, unitamente agli altri documenti indicati nel Manuale di Gestione, una dichiarazione attestante le giornate di chiusura.

Scarica da questa pagina il modulo di dichiarazione chiusura aziendale

D9  I giorni di malattia del/della tirocinante possono essere esclusi dal calcolo del 70% delle presenze previsto dal Bando per il rimborso per l’attivazione di tirocini?

Sì, i giorni di malattia del/della tirocinante possono essere esclusi dal conteggio del 70% delle presenze a condizione che si riferiscano a malattia certificata. In tal caso, il soggetto richiedente il rimborso dovrà caricare sul portale SINTESI, unitamente alla documentazione indicata nel Manuale di Gestione, una dichiarazione attestante il periodo di malattia certificata.

Scarica da questa pagina il modulo di dichiarazione malattia tirocinante

D10  Nel caso dovessero insorgere condizioni per le quali l’articolazione dell’orario di lavoro e/o l’indennità previste nel Progetto Formativo caricato a sistema al momento della richiesta di rimborso devono essere modificate per esigenze dell’Ente ospitante e/o del/della tirocinante è possibile caricare un nuovo progetto formativo anche se la richiesta di rimborso è già stata posta in stato “Richiesta finanziabile”?

Il Progetto Formativo che viene preso in considerazione in fase di liquidazione, ai fini del calcolo del 70% delle presenze, è quello caricato a sistema in fase di ammissione. Eventuali modifiche devono essere comunicate tempestivamente all’indirizzo doteimpresa@cittametropolitana.mi.it e, se non possibile, contestualmente all’invio della domanda di liquidazione. Il progetto formativo integrato/modificato o la nota integrativa al progetto formativo devono essere debitamente sottoscritti dai soggetti interessati ed essere caricate sul portale SINTESI nella sezione dell'ammissione.

D11  Con riferimento a quanto previsto dal Bando: “In caso di erogazione dell’indennità in più soluzioni, la percentuale di presenza del 70% ai fini del riconoscimento dell'indennità potrà essere conteggiata mensilmente o comunque riferendosi al periodo oggetto della singola erogazione. La Città metropolitana di Milano si atterrà al medesimo principio per il rimborso delle indennità erogate e, pertanto, in caso di mancato rispetto di tale parametro, l'indennità non sarà rimborsata”, qual è la procedura corretta da seguire per una corretta rendicontazione?

Di seguito alcuni esempi:

  • INDENNITA’ CORRISPOSTA IN UN'UNICA SOLUZIONE AL TERMINE DEL TIROCINIO
    Il 70% delle presenze verrà calcolato esclusivamente sul TOTALE dei giorni di presenza previsti dal progetto formativo.
    Esempio tirocinio 01/03-31/05/2023: il 70% verrà calcolato sul totale dei giorni di presenza previsti nel progetto formativo per i mesi di marzo, aprile e maggio, escluse le festività nazionali.
  • INDENNITA’ CORRISPOSTA IN PIU' SOLUZIONI
    Il 70% delle presenze verrà calcolato in base al singolo periodo di erogazione dell’indennità.
    Esempio 1 - pagamento mensile - tirocinio 01/03-31/05/2023: il 70% verrà calcolato sulle presenze di ogni singolo mese; se ad esempio il 70% delle presenze è stato raggiunto solo nei mesi di marzo e di maggio, sarà possibile escludere il mese di aprile e rimborsare l’indennità corrisposta per il mese di marzo e quella corrisposta per il mese di maggio, a condizione che la documentazione attestante il pagamento, da caricare a sistema in fase di richiesta di liquidazione, si riferisca inequivocabilmente a queste due mensilità.
    Esempio 2 - pagamento in due soluzioni, a fine marzo (per le presenze di marzo e di aprile) e a fine maggio (per le presenze di maggio) - tirocinio 01/03-31/05/2023: il 70% potrà essere calcolato sulle presenze relative ai singoli periodi di erogazione, ossia sul totale delle presenze relative ai mesi di marzo e aprile (primo periodo di erogazione) e sul totale delle presenze del mese di maggio (secondo periodo di erogazione).

D12 E’ possibile rendicontare il corso sulla sicurezza se tenuto da una risorsa umana interna all’azienda?

No, non è possibile perché non costituisce un costo vivo per l'azienda. Il Manuale di Gestione tra i giustificativi ammissibili prevede solo la fattura e non altre tipologie quali il cedolino del personale impiegato. 

D13 Come devono essere rendicontate le spese sostenute per l'assicurazione previste dal Bando?

La quota INAIL potrà essere rimborsata a fronte del caricamento sul portale SINTESI di una dichiarazione firmata digitalmente attestante la quota conteggiata per il/la lavoratore/lavoratrice e i pagamenti effettuati e/o da effettuare.

Scarica da questa pagina il modulo di dichiarazione spese INAIL

D14 Il Bando prevede che in fase di presentazione della domanda di incentivo previsto per le assunzioni, il soggetto richiedente indichi il costo salariale lordo. Se successivamente il costo effettivamente sostenuto risultasse inferiore, come è necessario procedere?

Se il costo salariale lordo effettivamente sostenuto risultasse inferiore a quello indicato nella domanda di ammissione, in fase di liquidazione è necessario caricare sul portale SINTESI, unitamente alla domanda di liquidazione e agli altri documenti previsti dal Manuale di Gestione, una dichiarazione attestante il costo del lavoro effettivamente sostenuto.

Scarica da questa pagina il modulo di dichiarazione costo salariale

D15 Quali sono le novità introdotte dal Bando Dote Impresa Collocamento Mirato - annualità 2023/2024 relativamente alla proroga del tirocinio?

Con l'attivazione del nuovo Bando Dote Impresa Collocamento Mirato sono state apportate importanti novità; pertanto si invita a prestare particolare attenzione alla nuova procedura di presentazione delle domande di tirocinio, in special modo per quanto riguarda l'eventuale periodo di proroga. Considerando che l'importo da richiedere per le domande di tirocinio, non deve comprendere una ipotetica proroga, si evidenzia quanto riportato a pagina 9 del Manuale di gestione e rendicontazione Dote Impresa Collocamento Mirato - Annualità 2023-2024: "NEW! In caso di proroga del periodo di tirocinio dovrà essere presentata una nuova domanda, il cui importo, sommato a quello della prima richiesta, non potrà comunque eccedere il massimale di 3.000 euro, pena il respingimento della domanda relativa alla proroga. Qualora non fosse stata ancora presentata una domanda per il primo periodo di tirocinio, è possibile presentare un’unica richiesta comprensiva anche del periodo della proroga."

Esemplificando:

1 - tirocinio per un periodo di 3 mesi al costo di euro 500 al mese, importo richiesto euro 1500 - sarà possibile presentare eventuali altre richieste di incentivo per proroghe del tirocinio raggiungendo così il massimale previsto dal Bando di euro 3000.

2 - tirocinio per un periodo di 3 mesi al costo di euro 500 al mese, importo richiesto euro 3000 - verrà impegnata la somma di 3000 euro ma liquidato solo l'importo effettivo di euro 1500. In questo caso NON SARA' POSSIBILE presentare una ulteriore domanda relativa alla eventuale proroga  fino a quando non sarà avvenuto l'effettivo pagamento di euro 1500, rendendo così disponibile quanto richiesto precedentemente in eccedenza. 

3 - tirocinio per un periodo di 3 mesi + periodo di proroga già concluso di altri 3 mesi al costo di euro 500 al mese, importo richiesto euro 3000 - in questo caso sarà possibile presentare una unica domanda di ammissione per un importo totale di euro 3000 pari al massimale richiedibile.

Si invita pertanto a seguire l'esempio nr. 1 per poter presentare tempestivamente la domanda di proroga in caso di necessità. 

 D16.  Regione Lombardia prevede che per  il rientro sul posto di lavoro dei soggetti disabili è necessaria l'acquisizione del certificato di idoneità rilasciato dal medico del lavoro del contesto ospitante, tale spesa può rientrare nelle spese rendicontabili nella richiesta di rimborso delle spese di tirocinio a valere sul Bando Dote Impresa?

Si, è possibile rendicontare tali spese all'interno del massimale prenotato. Ai fini della richiesta di rimborso Dote Impresa è necessario che la fattura sia chiaramente riconducibile al lavoratore disabile per il quale si chiede la dote ed è altresì necessario, in fase di richiesta di liquidazione, caricare a sistema la fattura e il modello di dichiarazione rimborso spese sanitarie sostenute per contrastare l’epidemia di COVID-19 firmato digitalmente dal soggetto a cui è intestata la fattura e che ha proceduto al pagamento della stessa.

 

Ultimo aggiornamento: 18 April 2024
Data creazione: 18 April 2024